Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Il nastro bianco / Il bambino con il pigiama a righe

27 gennaio 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su Rai5 ore 21:15, il Morandini vi consiglia: Il nastro bianco


Il nastro biancoDas weisse BandGerm.-Austr.-Fr.-It. 2009GENERE: Dramm. DURATA: 144′ FOTOGRAFIA: BN VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 2REGIA: Michael HanekeATTORI: Christian Friedel, Burghart Klaussner, Rainer Bock, Susanne Lothar, Leonie Benesch
Intorno al 1913 la quieta vita di Eichwald, paese della Germania del Nord, è turbata da una serie di strani e crudeli incidenti, all'apparenza privi di spiegazione. Non si riesce a individuare i responsabili. Il maestro della scuola locale – anche voce narrante – riunisce i fili degli eventi finché raggiunge una terribile verità che potrebbe essere il frutto di un'interpretazione paranoica. Il pastore protestante si rifiuta di credergli. Lo scoppio della guerra 1914-18 porta il maestro a non tornare più nella comunità. 1° film in lingua tedesca dal 1997 del regista austriaco “al quale preme rappresentare l'impossibilità di fare i conti con la realtà, oggi come ieri” (P.M. Bocchi) che ne fa il resoconto di un orrore a macchia d'olio inconcepibile più che inammissibile. È un film in bianco e nero (più bianco che nero) che lascia libero lo spettatore di decifrare i misteri della vicenda. Chi sono i colpevoli: i bambini o gli adulti? Senza quasi mai usare il primo piano, Haneke si pone di fronte alla realtà illeggibile di un panorama umano di vizi privati e pubbliche virtù sotto la coperta pesante del perbenismo. Suggerisce che potrebbe essere il terreno di cultura e la massa acritica del futuro nazismo. Palma d'oro al Festival di Cannes 2009. Distribuito da Lucky Red. Scritto da Haneke con Jean-Claude Carrière.


Questa sera, su Rete 4 ore 21:15, il Morandini vi consiglia: Il bambino con il pigiama a righe


Il bambino con il pigiama a righeThe Boy in the Striped PyjamasGB-USA 2008GENERE: Dramm. DURATA: 93′ VISIONE CONSIGLIATA: RAG.CRITICA: 3 PUBBLICO: 2REGIA: Mark HermanATTORI: Asa Butterfield, David Thewlis, Jack Scanlon, Vera Farmiga
Berlino, anni '40. Figlio di un ufficiale nazista nominato nuovo direttore di un campo di concentramento, Bruno, 8 anni, si trasferisce con la famiglia nella nuova casa, una villa fuori città, ignaro del fatto che l'alta recinzione che circonda il giardino è la separazione dalla barriera di filo spinato che circonda il lager. Bruno si annoia e in cerca di novità trova un passaggio segreto che lo mette in contatto con Shmuel, un coetaneo ebreo rinchiuso nel campo. Fanno amicizia, di nascosto dagli adulti, e nessuno dei due conosce né capisce la condizione dell'altro. Tratto dal romanzo omonimo dell'irlandese John Boyne, non è una favola drammatica, e il terribile finale arriva come un pugno nella stomaco e lascia sgomenti. È un film coraggioso e durissimo sull'Olocausto, non consolatorio e senza lieta fine, visto e narrato da un punto di vista molto particolare: da quello di due bambini “puri” da ogni forma di condizionamento sociale e familiare, un ariano e un ebreo che non sanno ancora nulla di razzismo, di odio, di sterminio, di forni. È un film istruttivo, adatto ai ragazzi e consigliabile alle rassegne scolastiche.
AUTORE LETTERARIO: John Boyne


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.