Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

La terra dei morti viventi

6 febbraio 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Questa sera, su Mediaset Italia 2 ore 21:10, il Morandini vi consiglia: La terra dei morti viventi


La terra dei morti viventiLand of the DeadCan.-Fr.-USA 2005GENERE: Horr. DURATA: 93′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 3REGIA: George A. RomeroATTORI: Simon Baker, John Leguizamo, Dennis Hopper, Asia Argento, Robert Joy, Eugene Clark, Joanne Boland, Tony Nappo, Jennifer Baxter
4ª tappa della saga di Romero, aperta con la La notte dei morti viventi (1968) e continuata con Zombi (1978) e Il giorno degli zombi (1985). Come nel 3° film, gli zombi sono ormai i padroni della terra. Gli umani si sono barricati in un centro urbano fortificato: i ricchi se la spassano in grattacieli di lusso (Fiddler's Green), i poveri fanno la fame. Un gigantesco carro armato (Dead Reckoning) all'esterno fa strage degli zombi inermi finché, più aggressivi e intelligenti, guidati dal colosso nero Big Daddy, si accingono a invadere il complesso residenziale. A 65 anni Romero è ancora immaginoso, metaforico, potente come in passato, ma è diventato più “classico”, cioè più trasparente. Questo è forse il film politicamente più esplicito dell'horror made in USA. La sua critica sociopolitica si appunta su: la corruzione e il disfacimento del capitalismo predatore; gli zombi come proletari sfruttati e umiliati; la segregazione razziale; il consumismo come forma estrema del nichilismo; l'implosione dei centri urbani ghettizzati; la disinformazione dei mass media; l'emigrazione verso il nord (Canada) e il sud (Messico). La battuta finale di Il giorno degli zombie è: “È rimasta poca benzina”. Le frecciate contro la politica di Bush Jr. abbondano. Girato a Toronto. Fotografia: Miroslaw Baszak.


Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.