Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Grace is Gone

26 marzo 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Grace is Gone

   Questa sera su RaiMovie ore 21:15 Il Morandini consiglia:

Grace is GoneGrace is GoneUSA 2007GENERE: Dramm. DURATA: 85′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3 PUBBLICO: 1REGIA: James C. StrouseATTORI: John Cusack, Gracie Bednarczyk, Shélan O'Keefe, Alessandro Nivola, Marisa Tomei
Militare mancato, perché miope, Stanley Phillips fa il negoziante nel Midwest e vive con 2 figlie – Heidi di 12 anni e Dawn di 8 –, mentre la moglie Grace è sergente dei Marines in Iraq. Quando apprende che è stata uccisa, non riesce a dirlo alle figlie e con loro parte per la Florida. Esordio di Strouse, è un tipico film indipendente USA con attori poco noti e una star (Cusack, anche coproduttore con la sua New Crime). Grace è andata via, ma incombe come un fantasma invisibile. Basta la sequenza in cui Stanley telefona a casa per riascoltare il messaggio dall'Iraq da lei lasciato sulla segreteria. C'è la stessa atmosfera malinconica di certi film di Clint Eastwood (che di questo ha scritto le musiche). Come se, con graduale pudore, Strouse avesse aperto delle fessure per invitare lo spettatore a scendere nel dolore che impregna il film in questa alternanza di assenza e presenza sino alla scena finale del funerale: fin qui trattenuto, il dolore si esplicita e diventa una liberazione. È un road movie, ma anche un film antibellico ribaltato (il ruolo di Stanley è di solito al femminile). Il suo viaggio con le figlie è un percorso di iniziazione, ma anche una fuga dal presente. Cusack in gran forma e le due bambine dirette benissimo. 2 premi al Sundance Festival: pubblico e sceneggiatura. Distribuito da 01.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.