Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Miracolo a Le Havre

14 aprile 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Miracolo a Le Havre

   Questa sera, su Rai5 ore 21:15Il Morandini consiglia:
Miracolo a Le HavreLe HavreFin.-Fr.-Germ. 2011GENERE: Fiab. DURATA: 93′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 4 PUBBLICO: 3REGIA: Aki KaurismäkiATTORI: André Wilms, Kati Outinen, Jean-Pierre Darroussin, Jean-Pierre Léaud, Pierre Étaix, Roberto Piazza
A Le Havre, 1° porto francese per il traffico di container, non lontano da Calais, Marcel Marx fa il lustrascarpe e ha per moglie l'affettuosa Arletty. Due fatti gli cambiano la vita: lei si ammala gravemente, lui incontra e aiuta un ragazzino africano clandestino, ricercato dalla polizia. Dopo Vita da bohème (1992), è il 2° film del finnico Kaurismäki girato in Francia, con Wilms protagonista. In concorso a Cannes 2011 seduce il pubblico e incanta i critici. Con la cinepresa ancorata a terra, ci sono lustrascarpe innamorati, bottegai dal cuore d'oro, poliziotti di buon senso. Percorre la strada maestra degli affetti (senza effetti), più fatti e meno parole. Una fiaba? Forse. Coniuga facilità con felicità. E non c'è una virgola, un colore, un gesto, un'inquadratura, una parola che non sia dove dovrebbe essere. Sposa Chaplin a De Sica, Tati a Bresson, Pagnol a Dreyer. Film terapeutico in cui sottrarre non significa semplificare. I dettagli ne fanno un'opera etica e politica. Dopo un'improbabile lieta fine dietro l'altra, quell'immagine di un ciliegio in fiore rimanda a Ozu. Forse è il film più necessario mai fatto dal 54enne Kaurismäki. Gli spettatori cinefili hanno un bel lavoro per identificare le citazioni.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.