Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Il favoloso mondo di Amelie

29 giugno 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Il favoloso mondo di Amelie

Questa sera, su La7d ore 21:10Il Morandini consiglia:

Il favoloso mondo di AmelieLe Fabuleux destin d'Amélie PoulainFr. 2001GENERE: Comm. DURATA: 117′ VISIONE CONSIGLIATA: RAG.CRITICA: 4 PUBBLICO: 5REGIA: Jean-Pierre JeunetATTORI: Audrey Tautou, Mathieu Kassovitz, Rufus, Yolande Moreau, Artus de Penguern, Dominique Pinon, Urbain Cancelier, Maurice Bénichou
Grazie al ritrovamento di una scatoletta nel giorno della morte di Lady D, Amélie Poulaine, cameriera in un bar-tabacchi di Montmartre, si convince di avere una missione: ritoccare il destino degli altri affinché siano più felici, punendo chi sfrutta i deboli e gli indifesi. E trova anche un uomo da amare. 8 000 000 di spettatori in Francia, 20 000 000 di dollari in USA, 8 000 000 di euro in Italia per una commedia fiabesca più complessa e meno zuccherosa di quel che sembra. Nel passare dal dark al pink (ma i risvolti critici e “politici” non mancano), Jeunet usa tecnologia ed effetti speciali per scopi poetici, non soltanto strumentali e spettacolari. Lo fa, come ha scritto Matteo Bittanti (Cineforum n. 412), con un polifonico processo di ri-mediazione: cinema d'animazione; pittura e graphic design; fotografia (di Bruno Delbonnel) e riflessione sul medium fotografico; letteratura (la poesia “piccola” di J. Prévert, specialmente); estetica del videogioco e dei videoclip pubblicitari e la cinefilia, dalle origini del muto al digitale. Parigi, infine: quella del primo Novecento, di Clair-Renoir-Carné e di Tati-Malle-Varda, del fotografo Doisneau. Immaginaria, fantastica, nostalgica ma, nonostante tutto, ancora esistente per chi sa scoprirla: “È un film contro la società pensata e voluta dalla televisione ... In fondo Amelie è Alice nel paese di Tati” (M. Nicolao). Eccessivo bricolage, forse. Jeunet se ne serve per creare un mondo che la Tautou sa cristallizzare in modo infallibile.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.