Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

La prima notte di quiete

17 agosto 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: La prima notte di quiete

Questa sera, su RaiMovie ore 21:15Il Morandini consiglia:

La prima notte di quieteIt.-Fr. 1972GENERE: Dramm. DURATA: 132′ VISIONE CONSIGLIATA: SCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 4REGIA: Valerio ZurliniATTORI: Alain Delon, Sonia Petrovna, Lea Massari, Giancarlo Giannini, Adalberto Maria Merli, Renato Salvatori, Salvo Randone, Alida Valli
Sotto i segni della precarietà e della morte e in cadenze di melodramma disperato, è la storia di un naufragio. Ritratto di Daniele Dominici, professore di letteratura, angelo caduto e insabbiato, che arriva al capolinea della sua vita in una Rimini invernale. S'innamora di Vanina, sua allieva, vaso d'iniquità nel guscio di un'insondabile malinconia. C'è un eroe “maledetto” (memorabile il cappotto di cammello dell'intenso A. Delon), c'è un ambiente, un'atmosfera, ci sono i personaggi di contorno (tra cui spicca un ottimo G. Giannini), c'è una scrittura. Qualcosa di ridondante nella 2ª parte – la descrizione dell'ignobile verminaio provinciale cui si contrappongono le sortite verso i cieli di uno spiritualismo cristiano – impedisce la piena ammirazione. Scritto con Enrico Medioli, il 7° e penultimo film di Zurlini conta sulla raffinata fotografia di Dario Di Palma, le musiche (troppe trombe) di Mario Nascimbene, le scene di Enrico Tovaglieri. Prodotto da Titanus, coproduttore A. Delon che scorciò di 27′, modificandone il montaggio, l'edizione francese (Le Professeur). Restaurato nel 2000 da Philip Morris.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.