Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Monsters University / Monsters & Co.

26 dicembre 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Monsters University / Monsters & Co.

Questa sera, su Rai3 ore 20:30Il Morandini consiglia:
Monsters UniversityMonsters UniversityUSA 2013GENERE: Anim. DURATA: 104′ VISIONE CONSIGLIATA: RAG.CRITICA: 2,5 PUBBLICO: 3REGIA: Dan Scanlon
Mike ha sempre sognato di iscriversi alla Facoltà di Spavento della Monster University. Quando finalmente ci è riuscito e sta per cominciare, viene cacciato per colpa del prepotente compagno di studi James P. Sullivan. Per essere riammessi sono costretti ad allearsi e vincere le Spaventiadi, sfida contro l'orrido rettore Tritamarmo. 12 anni dopo tornano i personaggi di Monsters & Co., in un prequel scritto dal regista con Robert L. Baird e Daniel Gerson: piacevole, non originale come il precedente, ma con qualche gag riuscita grazie all'efficacia dei personaggi. Non perdersi il dopo titoli di coda. Uscito in abbinamento a un delizioso corto, L'ombrello blu (vedi scheda in sezione corti).

Questa sera, su Rai3 ore 22:10Il Morandini consiglia:

Monsters & Co.Monsters & Co.USA 2001GENERE: Anim. DURATA: 92′ VISIONE CONSIGLIATA: RAG.CRITICA: 4 PUBBLICO: 5REGIA: Pete Docter
Esistono i “baubau”, i multiformi mostri che agitano le fantasie diurne e notturne dei bambini? Sì, ma sono alieni di una dimensione parallela del nostro universo che svolgono il benemerito lavoro di procacciatori di energia per il loro mondo spaventando i bambini del nostro pianeta e catturando le onde emotivo-sonore da loro emesse. Il pericolo è il loro mestiere. Convinti che il contatto con i terrestri provochi un contagio letale. Nulla è più come prima dalla notte in cui la piccola Boo riesce a intrufolarsi nel loro mondo seminando il panico. La Pixar colpisce ancora (nel segno). Dopo Toy Story (1996), A Bug's Life (1998) e Toy Story 2 (1999), il fondatore John Lasseter si concentra sulla produzione – affidando la regia al pupillo Docter e la sceneggiatura ai rodati Robert L. Baird e Dan Gerson – e supera sé stesso con una favola che si avvale di personaggi ironicamente divertenti e sbeffeggia la retorica eroico-patriottarda del cinema americano. Ha ritmo incalzante ed esorcizza le paure infantili, insegnando che il conflitto può essere sostituito dalla collaborazione non appena si comprendano e si accettino i diversi, senza però far credere che siano tutti buoni. Fonde Borges con Magritte: milioni di porte mettono in comunicazione il mondo dei mostri con tutte le camere da letto dei bambini. Solo in USA ha incassato 251 000 000 di dollari.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.