Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Alla ricerca di Nemo

27 dicembre 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Alla ricerca di Nemo

Questa sera, su Rai3 ore 21:05Il Morandini consiglia:

Alla ricerca di NemoFinding NemoUSA 2003GENERE: Anim. DURATA: 100′ VISIONE CONSIGLIATA: RAG.CRITICA: 3,5 PUBBLICO: 5REGIA: Andrew Stanton, Lee Unkrich
Il piccolo Nemo, orfano di madre nella prima scena, è affettuosamente accudito dall'apprensivo papà. Ed è proprio al 1° giorno di scuola che l'intrepido e coraggioso pesciolino cade nella rete di un sub. Mentre il padre, in compagnia di un'azzurra pesciolina-chirurgo un po' svampitella, intraprende un viaggio nell'Oceano per ritrovarlo, facendo incontri d'ogni genere e superando disavventure e difficoltà, il figlio finisce nell'acquario di un dentista di Sydney dove organizza un'evasione insieme agli altri prigionieri. 5° film della Pixar di John Lassiter e Andrew Stanton – geniali pionieri dell'animazione computerizzata – dopo Toy Story, A Bug's Life, Toy Story 2 e Monster & Co., e diventato fin dalle prime 3 settimane campione di incassi, è un tipico racconto di formazione (ma non solo il figlio ha bisogno di emanciparsi dal genitore, vale anche il contrario) con i soliti personaggi antropoformizzati che sono in contrasto in modo particolarmente vistoso, pregio e difetto del film, con l'ambientazione marina suggestiva, coloratissima, spettacolare, splendidamente iperrealista, degna delle migliori immersioni (vere) nel Mar Rosso. La scena dell'immissione nella corrente del Golfo vale da sola tutto il film. Come negli altri film Pixar, anche qui non c'è traccia di canzoni, ci sono le musiche (d'atmosfera) del più volte candidato all'Oscar Thomas Newman. Oscar per il LM di animazione.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.