Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Magdalene

24 febbraio 2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Magdalene

Questa sera, su Iris ore 23:20Il Morandini consiglia:

MagdaleneThe Magdalene SistersGB 2002GENERE: Dramm. DURATA: 119′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 3REGIA: Peter MullanATTORI: Geraldine McEwan, Anne-Marie Duff, Nora-Jane Noone, Dorothy Duffy, Eileen Walsh
Irlanda 1964-68. Fondati nell'Ottocento e gestiti, dall'inizio del Novecento, dalle Sorelle della Misericordia, i conventi-carceri Magdalene ospitavano prostitute e ragazze, mandate dalle famiglie e dagli orfanotrofi, per espiare i loro peccati sessuali con la preghiera, la disciplina e il lavoro (non pagato) di lavandaie. In primo piano le storie di quattro di loro: due evadono, una impazzisce e l'altra esce e si rifà una vita. Tira l'aria del Dickens più cupo e realisticamente più visionario in questo film duro, crudo e sicuro – che ha dell'incredibile se si pensa agli anni '60. Il suo tema centrale è la trasformazione della carità cristiana in strumento di tortura, oppressione e annientamento della dignità, anzi dell'identità umana. Dice già tutto la sequenza d'apertura, la festa di nozze durante la quale Margaret (Duff) è violentata da un cugino e, perciò, espulsa dalla famiglia e dalla comunità. Nella crudezza della cronaca con cui descrive il microcosmo totalitario del convento, lo scozzese Mullan, anche sceneggiatore, si compiace talvolta della violenza e dei suoi rituali, trascinato dal suo programma polemico. Uno dei momenti alti del racconto è la scena in cui, inginocchiata davanti alla sua persecutrice, Margaret recita il Pater Noster. Ufficiali e non, le sdegnate proteste di parte cattolica o sono frutto di malafede o nascono da un errore: anticlericale non è sinonimo di antireligioso. Leone d'oro a Venezia 2002.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.