Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Minority Report

26 febbraio 2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Minority Report

Questa sera, su Iris ore 21:00Il Morandini consiglia:

Minority ReportMinority ReportUSA 2002GENERE: Fantasc. DURATA: 145′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3 PUBBLICO: 4REGIA: Steven SpielbergATTORI: Tom Cruise, Colin Farrell, Samantha Morton, Max von Sydow, Lois Smith, Peter Stormare, Tim Blake Nelson, Jessica Harper, Neal McDonough
Washington, D.C., 2054. Nemmeno un omicidio in città da sei anni, da quando John Anderton, capo dell'Unità di intervento pre-crimine, ricorre a tre mutanti chiaroveggenti (precogs) per scongiurare ogni atto delittuoso prima che sia commesso. Si sta per estendere il metodo all'intero paese, ma Danny Witwer, del Dipartimento Giustizia, conduce un'inchiesta per sapere se la tecnica sia infallibile. Anderton scopre che, vittima di un complotto, sarà egli stesso a commettere un omicidio fra 36 ore e che un “rapporto di minoranza” sostiene l'esistenza di un margine di errore. Dopo Blade Runner e Total Recall, è almeno il 5° film esplicitamente tratto dalla narrativa di Philip K. Dick, anche se il racconto breve The Minority Report (1956) fornisce soltanto una traccia alla sceneggiatura di Scott Frank e Jon Cohen. Sembra un'angosciosa parabola totalitaria sul nostro prossimo futuro. Lo è nelle poche pagine di Dick, ma non in questo film da 100 milioni di dollari che graffia meno di quel che appare. Gli elementi eversivi originali sono sostituiti dalla sagacia nel “fare cinema”, dall'uso dei 480 effetti speciali (in assoluto, il film più tecnologico di Spielberg), dalle citazioni filmiche e letterarie, dalle opposizioni binarie (libero arbitrio/predestinazione, visione/cecità, stasi/movimento), dalla competenza luministica di Janusz Kaminski. “Spielberg è un prosatore che si ostina a comportarsi da poeta. Ne uscirà mai fuori?” (P. Cherchi Usai).
AUTORE LETTERARIO: Philip K. Dick

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.