Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Ultimo tango a Parigi

15 marzo 2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Ultimo tango a Parigi

Questa sera, su RaiMovie ore 23:00Il Morandini consiglia:

Ultimo tango a ParigiIt.-Fr. 1972GENERE: Dramm. DURATA: 131′ VISIONE CONSIGLIATA: SCRITICA: 4 PUBBLICO: 5REGIA: Bernardo BertolucciATTORI: Marlon Brando, Maria Schneider, Jean-Pierre Léaud, Massimo Girotti, Maria Michi, Darling Legitimus, Giovanna Galletti, Veronica Lazar
Un americano di mezza età vedovo da poche ore e una giovane parigina si rinchiudono per fare l'amore in un appartamento vuoto di Passy che è caverna primitiva, cella d'isolamento, zattera per naufraghi. Epilogo sanguinoso. Osannato o disprezzato (sequestrato, condannato “al rogo”, liberato negli anni '80), questo film “scandaloso” suggerisce con violenza di prendere sul serio (sul tragico) la verità dell'erotismo. Contribuiscono al risultato la luce di Storaro e le musiche di Gato Barbieri per un irripetibile Brando, guidato dal talento di un regista che con la musicale mobilità della cinepresa lega spazio, personaggi, oggetti e décor. Ebbe 14 milioni di spettatori, compresi quelli della riedizione Titanus del 1987. Messo in onda il 21-9-1988 su Canale 5, scorciato di circa 3 minuti. Le sue vicissitudini giudiziarie durarono un quindicennio fino alla sentenza di non oscenità del 9-2-1987 che non cancellò ma scavalcò la sentenza della Cassazione del 29-1-1976 con la cosiddetta condanna “al rogo”. “A Ultimo tango è successo di tutto e ha fatto succedere tutto” (T. Sanguineti). 2 nomination agli Oscar: regia e Brando (che ha la voce di Giuseppe Rinaldi, duttile doppiatore di Newman, Clift, Lemmon, Sellers, Sinatra e decine di altri).

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.