Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Misery non deve morire

4 giugno 2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Misery non deve morire

Questa sera, su Rai4 ore 21:10Il Morandini consiglia:

Misery non deve morireMiseryUSA 1990GENERE: Thrill. DURATA: 107′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 3 PUBBLICO: 3REGIA: Rob ReinerATTORI: James Caan, Kathy Bates, Richard Farnsworth, Frances Sternhagen, Lauren Bacall, Graham Jarvis
Uno scrittore di successo – dopo aver subito più di una frattura in un incidente stradale nell'innevata Sierra Nevada – si trova in totale balia di una robusta infermiera che è un'accanita lettrice dei suoi 7 romanzi che hanno al centro il personaggio di Misery. Quando viene a sapere che Misery muore nell'8° libro, lo tortura fino a costringerlo a scriverne un 9° dove farà resuscitare la sua eroina. Tratto dal romanzo Misery (1987) di Stephen King e sceneggiato da William Goldman, è un thriller claustrofobico che, al di là della sapienza narrativa di Reiner e della bravura dei due interpreti (la Bates vinse un Oscar), riesce nell'arduo compito di dare per immagini una carica di dinamismo drammatico all'atto creativo, e poche cose sono più difficilmente “mostrabili” quanto il mestiere di uno scrittore. È anche una parabola sul rapporto tra autore e lettore: la pluriomicida Annie Wilkes è, insieme, il lettore e il critico.
AUTORE LETTERARIO: Stephen King

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.