Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Il discorso del re

20 novembre 2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Il discorso del re

Questa sera, su Iris ore 21:00Il Morandini consiglia:   

Il discorso del reThe King's SpeechGB-Austral. 2010GENERE: Stor. DURATA: 118′ VISIONE CONSIGLIATA: RAG.CRITICA: 4 PUBBLICO: 3REGIA: Tom HooperATTORI: Colin Firth, Geoffrey Rush, Helena Bonham Carter, Guy Pearce, Derek Jacobi, Michael Gambon
Dopo la morte del padre Giorgio V (1865-1936) e la scandalosa e obbligata abdicazione del fratello Edoardo VIII (1894-1972) che sposa la divorziata, borghese americana Wallis Simpson, il duca di York Albert detto Bertie sale riluttante sul trono col nome di Giorgio VI (1895-1952). Scritto da David Seidler – che ne aveva già fatto una pièce teatrale – e diretto da un regista televisivo, ne è uscito un film premiatissimo. Spettacolare nella struttura, con ammirevole sottigliezza psicologica nel disegno dei personaggi, è un'opera complessa nei temi, svariante nei toni fra dramma e commedia, tra tenerezza e soprassalti epici, raffinata nell'apparato figurativo, recitata da attori bravissimi con un Firth straordinario. Il suo asse portante è il difficile rapporto e poi l'amicizia tra Bertie/Giorgio VI e Lionel Logue, eccentrico logopedista che lo aiuta a vincere la paura, fonte principale sin dall'infanzia della balbuzie. Per capire il film (e il punto di vista di Seidler e Hooper) conta il dialogo tra il balbettante e suo padre: “Non siamo una famiglia – gli dice – ma una ditta”. I Windsor sono da secoli in affari nel ramo monarchia, e vogliono restarci. Perciò è indispensabile saper parlare con il popolo. 12 candidature e 4 Oscar: miglior film, miglior attore protagonista, miglior regia e miglior sceneggiatura originale.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.