Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Uomini di Dio

24 gennaio 2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Uomini di Dio

Questa sera, su Rai5 ore 21:15Il Morandini consiglia:
Uomini di DioDes hommes et des dieuxFr. 2010GENERE: Stor. DURATA: 122′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 4 PUBBLICO: 4REGIA: Xavier BeauvoisATTORI: Lambert Wilson, Michael Lonsdale, Olivier Rabourdin, Philippe Laudenbach, Jacques Herlin
Più di 2 milioni di spettatori in Francia, 2° premio a Cannes 2010, critici quasi unanimi per l’opus n. 6 di Beauvois, scritto con Etienne Comar, girato ad alto costo in Marocco, riesce a conciliare i Vangeli col Corano, la fede cristiana sino al martirio con la denuncia antimilitarista. Tra il 26 e il 27 marzo 1996, in un’Algeria straziata dalla guerra civile, 6 degli 8 monaci trappisti del monastero di Tibhirine, sui monti innevati dell’Atlante, sono rapiti e uccisi da guerriglieri del GIA (Gruppo Islamico Armato). Il 30 maggio si trovano le loro teste, non i corpi. Si descrivono le loro giornate di preghiera, meditazione, lettura, lavoro agricolo e attiva e rispettosa convivenza con gli abitanti musulmani della zona. Il vecchio padre Luc, medico, cura gratis sino a 150 malati al giorno. È lui – uno strepitoso Lonsdale – il coprotagonista di un racconto corale che fa capo al nobile intellettuale Christian de Bergé (l’ottimo Wilson). La sua scrittura ha un ritmo morbido, lento e grave come i canti religiosi che scandiscono il racconto; la tensione angosciosa e la paura della morte lo impregnano insieme con razionalità emotiva: il loro non è un martirio cercato, ma accettato con l’ardore calmo di un’imitazione del Cristo. Prolissità compiaciuta nell’ultima cena, ma il finale è giusto. Fotografia: Caroline Charpentier.

Vuoi riceverla via email? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.