Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Mio fratello è figlio unico

13 marzo 2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Mio fratello è figlio unico

Questa sera, su Iris ore 21:00Il Morandini consiglia:      

Mio fratello è figlio unicoIt. 2007GENERE: Dramm. DURATA: 100′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 3REGIA: Daniele LuchettiATTORI: Elio Germano, Riccardo Scamarcio, Angela Finocchiaro, Luca Zingaretti, Diane Fleri, Alba Rohrwacher, Massimo Popolizio, Anna Bonaiuto, Ascanio Celestini
Accio e Manrico Benassi, di famiglia operaia di Latina, passano dall’adolescenza alla giovinezza tra l’inizio dei ’60 e la metà dei ’70. Seminarista mancato, Accio è un ribelle istintivo e un accanito lettore, un ragazzo “contro” per natura, che fa il fascista anche per contrapporsi al fratello maggiore amato da tutti, specialmente dalle ragazze: bello, seduttivo, ruffiano nel surf sulla retorica marxista-comunista. Crescono su binari paralleli in rissa continua, amano la stessa donna, diversi ma solo fino a un certo punto. Base dell’8° film – il migliore? – di Luchetti è il folto romanzo Il fasciocomunista (ripubblicato nel 2003) di Antonio Pennacchi, sceneggiato con il regista dalla rodata coppia Petraglia-Rulli. È un film recitato bene da tutti, specialmente da uno straordinario e duttile Germano e dall’intensa Finocchiaro, attendibile madre proletaria (entrambi premiati col David di Donatello), ma anche dalla Bonaiuto, da Scamarcio, divo trainante dell’operazione per il pubblico giovanile, e da Zingaretti, fascista sanguigno. Profonda empatia tra regia e interpreti. Per gli spettatori maturi, è un insolito e divertente ripasso degli stereotipi che in quell’agitata stagione nutrirono – nutrono ancora – la destra neofascista sebbene, per programmare una conclusione tragicamente ottimistica, la sceneggiatura fatichi non poco a evitare luoghi comuni e a tenere insieme i personaggi minori un po’ sparpagliati. Montaggio: Mirko Garrone. Scene: Francesco Frigeri. Produce Cattleya, distribuisce Warner Bros Italia. Il titolo è quello di una canzone di Rino Gaetano. Altri 3 David: sceneggiatura, montaggio, presa diretta (B. Pupparo).
AUTORE LETTERARIO: Antonio Pennacchi

Vuoi riceverla via email? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.