Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Era d’estate

29 maggio 2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Era d'estate

Questa sera, su Rai1 ore 21:25Il Morandini consiglia:  
Era d'estateIt. 2015GENERE: Dramm. DURATA: 100′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 3REGIA: Fiorella InfascelliATTORI: Giuseppe Fiorello, Massimo Popolizio, Valeria Solarino, Claudia Potenza, Elisabetta Piccolomini, Elvira Camarrone
Estate 1985. Alla vigilia del “maxiprocesso” contro la mafia – che sarebbe cominciato nel febbraio del 1986 e terminato il 30-1-92 con la sentenza della Cassazione – Falcone, la sua compagna Morvillo, Borsellino e la sua famiglia sono trasferiti dalla polizia nella foresteria sul mare del carcere dell'Asinara, dove soggiornano alcune settimane guardati a vista dalle guardie carcerarie. Nel frattempo viene intercettato un carico di tritolo loro destinato. La Infascelli ha girato un dramma, sceneggiato a 4 mani con Antonio Leotti, sull'eroismo della quotidianità, cioè sulla capacità di continuare a condurre normalmente la propria vita senza lasciarsi intimidire dalla minaccia della morte. La sua forza emotiva sta anche nel fatto che lo spettatore conosce a posteriori il destino finale di Falcone, Morvillo e Borsellino – assassinati col tritolo nel 1992 – e si rende conto che loro lo conoscono a priori. Eppure non solo lavorano al processo, ma nuotano, parlano del più e del meno, scherzano, discutono, litigano, giocano con i bambini, immersi in uno scenario edenico. La regista gioca abilmente sul contrasto tra la tensione della situazione umana, sottolineata dalle musiche di Pasquale Catalano, e la quiete dell'ambiente naturale, efficacemente fotografato da Fabio Cianchetti. È un film meditativo, emozionante, struggente, da centellinare come un buon rosso d'annata. Distribuisce 01 Distribution di RAI Cinema.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.