Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Timbuktu

6 luglio 2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Timbuktu

Questa sera, su Rai3 ore 21:20Il Morandini consiglia: 
TimbuktuLe Chagrin des oiseauxFr.-Maur. 2014GENERE: Dramm. DURATA: 97′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 3 PUBBLICO: 2REGIA: Abderrahmane SissakoATTORI: Ibrahim Ahmed, Toulou Kiki, Abel Jafri, Fatoumata Diawara, Hichem Yacoubi, Kettly Noël
Mali, 2012. L'antica città sahariana di Timbuktu – dai fiabeschi edifici di fango secco, dello stesso colore del deserto – è occupata da fondamentalisti islamici stranieri, che girano armati di mitra e cellulari, imponendo la loro tetra, sadica e misogina morale a una popolazione abituata a una vita libera, fatta di lavoro ma anche di piaceri naturali. Il tuareg Kidane, che vive con la moglie e la figlia in una tenda fuori città, uccide involontariamente il pescatore che aveva abbattuto una delle sue 7 mucche. È condannato a risarcire la famiglia del pescatore con 40 vacche. Oppure a morte. L'eccezionalità del dramma, più antropologico che politico, del mauritano Sissako – anche sceneggiatore con Kessen Tall – sta nella denuncia della demenza criminale raccontata con la levità ironica e lirica di una fiaba antica e la bellezza figurativa di un quadro di Gauguin. Nella messa in ridicolo della stupidità, dell'ipocrisia, dell'ignoranza dei sedicenti combattenti per la fede islamica, mostrandone la volontà di dominio fine a sé stessa, priva di qualsiasi qualità spirituale. Di qui il valore mitico-universale del film: non parla solo e tanto del fondamentalismo islamico, ma anche e soprattutto dell'eterno scontro tra fannulloni violenti e lavoratori pacifici. Crociati o conquistadores cattolici non erano diversi dagli attuali jihadisti. Fotografia magica di Sofian El Fani. 7 César (miglior film, soggetto, regia, musiche, montaggio, suono, fotografia).

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.