Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Terra madre

5 agosto 2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Terra madre

Questa sera, su RaiStoria ore 21:50Il Morandini consiglia: 

Terra madre (2)It. 2009GENERE: Doc. DURATA: 78′ VISIONE CONSIGLIATA: RAG.CRITICA: 4 PUBBLICO: 2REGIA: Ermanno Olmi, Franco Piavoli, Maurizio ZaccaroATTORI: Vandana Shiva, Carlo Petrini, Ampallo Bucci, Maurizio Gelati, PierPaolo Poggi
Frutto di 2 anni di lavoro e di 140 ore di materiale girato nell'India e nell'Africa del Nord, nelle isole artiche di Svalbard e in Italia, è un documentario collettivo, nato per volontà di Carlo Petrini e Luciana Castellina, appoggiato da Slow Food, prodotto da Gianluca Farinelli e Beppe Caschetto con Rai Cinema. Prende il titolo dal biennale Forum sull'alimentazione organizzato da Slow Food, nato nel 2004 a Torino, che si propone di ricomporre la catastrofica frattura tra uomo e natura. È un film anomalo: collettivo, svariante nei toni e nei tagli narrativi, ma unitario nei temi, sotto la supervisione di Olmi che ha curato personalmente il capitolo forse più estremo, ispirato a L'uomo senza desideri di Ignazio e Fulvio Roiter. Hanno contribuito le maestranze, in gran parte formate da giovani di Ipotesi Cinema, la non-scuola da lui fondata; i suoi ex allievi (Zaccaro per l'India, M. Brenta per Torino) e Piavoli con “L'orto di Flora”, il bellissimo episodio finale. Hanno lavorato 2 figli di Olmi, Fabio (fotografia) ed Elisabetta (organizzazione). Dalle immagini di SF della sotterranea banca dei semi nelle Svalbard si passa a quelle georgiche di “L'orto di Flora”; dalle drammatiche immagini di “L'uomo senza desideri” alla cronaca didattica del Forum. Aver condensato tutto in 78 minuti è uno dei suoi tanti meriti. Voce narrante di Omero Antonutti. Nelle musiche si va da Bach a Celentano. Premiato al Festival di Berlino 2009. Sorretto dalla ragione e dalla verità informativa, è un film indignato.
AUTORE LETTERARIO: Ignazio Roiter, Fulvio Roiter

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.