Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Capitalism: A Love Story

18 novembre 2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Capitalism: A Love Story

Questa sera, su RaiStoria ore 21:10Il Morandini consiglia:

Capitalism: A Love StoryCapitalism: A Love StoryUSA 2009GENERE: Doc. DURATA: 120′ VISIONE CONSIGLIATA: TCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 3REGIA: Michael Moore (2)
Il discorso iniziato da Moore con Roger & Me (1989), e continuato con altri 6 titoli (di cui 2 TV), ha il suo culmine in questo film di denuncia contro i governi dei due Bush e il sistema bancario-assicurativo. Spiega come e da chi sia stata provocata e poi sfruttata la grave crisi sociale, economica, finanziaria in corso dal 2008. Lo fa commuovendosi col grande F.D. Roosevelt (1892-1945) che nel 1944 voleva varare una nuova Carta dei Diritti e sullo scopritore del vaccino contro la poliomelite A.B. Sabin (1906-93) che non si arricchì perché si rifiutò di brevettarlo. Mette alla gogna i due principali partiti, repubblicano e democratico. Se la prende con i poveri che votano per i ricchi, sperando di diventare come loro: succubi della disinformazione dei mass media, hanno nel DNA l'amore per il capitalismo di mercato e odiano il socialismo come il perverso frutto del Diavolo. Lo stesso Moore delimita col nastro giallo il luogo del crimine: Wall Street. È ingeneroso e un po' stupido (talvolta in malafede) rimproverargli di fare documentari truccati, demagogici, persino divertenti e di trasformare il cinema in comizio. Ha un senso accusarlo di protagonismo e insieme di indignazione perché racconta di piloti d'aereo sottopagati; ciniche assicurazioni sulla vita da parte delle aziende che quando falliscono lasciano i dipendenti senza lavoro né liquidazioni; working poors (lavoratori poveri) che sono il 70% dei cittadini USA non coperti da assicurazione sanitaria? Fa un cinema di controinformazione. Prodotto con la moglie Ann (Dog Eat Dog Films), scritto da G. Moore con la fotografia di Jayme Roy e Daniel Marracino.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.