Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Sedotta e abbandonata

17 dicembre 2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Sedotta e abbandonata

Questa sera, su RaiStoria ore 21:10Il Morandini consiglia:

Sedotta e abbandonataIt.-Fr. 1964GENERE: Dramm. DURATA: 125′ FOTOGRAFIA: BN VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 3,5 PUBBLICO: 4REGIA: Pietro GermiATTORI: Saro Urzì, Stefania Sandrelli, Aldo Puglisi, Lando Buzzanca, Leopoldo Trieste, Umberto Spadaro, Mimmo De Ninno
Il padre di una sedicenne sicula costringe il seduttore di lei a sposarla, anche se era già promesso a un'altra figlia che ripiega su un barone squattrinato. La commedia più violenta e congestionata, ai limiti dell'isterismo, della trilogia barocca di P. Germi, aperta da Divorzio all'italiana (1961) e chiusa da Signore e signori (1965). “È una farsa tragica con qualche vertigine grottesca, una tarantella macabra che accompagna con forzata allegria i funerali della ragione” (E. Giacovelli). Non esiste, forse, un film più antimeridionale e antisiciliano nel suo tiro al bersaglio contro la concezione insulare dell'onore. Galleria di personaggi brutti sporchi e cattivi su cui il regista s'accanisce con zoom e obiettivi deformanti, con le armi della natura incattivita e della farsa acida. Scritto dal regista con Age, Scarpelli e Luciano Vincenzoni che ebbero un Nastro d'argento come S. Urzì (attore protagonista, premiato anche al Festival di Cannes) e L. Trieste.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.