Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Apocalypse Now Redux / Apocalypse Now

7 maggio 2018
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: Apocalypse Now Redux / Apocalypse Now

Questa sera, su Iris ore 21:00Il Morandini consiglia:

Apocalypse Now ReduxApocalypse Now ReduxUSA 1979-2001GENERE: Guerra DURATA: 203′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 5 PUBBLICO: 2REGIA: Francis Ford Coppola
Riedizione con 53 minuti in più. Parti aggiunte: la mania per il surf del colonnello Kilgore (R. Duvall) e il furto della sua tavola; l'incontro del capitano Willard (M. Sheen) con una tigre; la visita dei soldati alle playmates in un desolato avamposto; alcuni frammenti di dialogo sulla barca che risale il fiume; la lunga sosta nella piantagione francese, governata da Philippe de Marais (Christian Marquand) e la breve parentesi amorosa con la vedova Roxanne (Aurore Clement); una scena nel finale in cui Kurtz legge al suo prigioniero Willard un articolo (vero) di Time. Al di là di ogni confronto tra le 2 edizioni, si può ammettere che si tratta di digressioni – sia pure interessanti come l'episodio nella piantagione francese, peraltro punito dalla musica elettronica appositamente composta vent'anni dopo – e utili agli spettatori della versione corta. “Apocalypse Now sta a Redux come l'Odissea sta all'Iliade.” (P. Cherchi Usai). Redux (latino) = reduce, che ritorna o è ricondotto.

(Per completezza pubblichiamo anche la scheda della prima edizione del film)

Apocalypse NowApocalypse NowUSA 1979GENERE: Guerra DURATA: 150′ VISIONE CONSIGLIATA: GCRITICA: 5 PUBBLICO: 4REGIA: Francis Ford CoppolaATTORI: Martin Sheen, Marlon Brando, Robert Duvall, Dennis Hopper, Frederic Forrest, Laurence Fishburne, Harrison Ford
A Saigon il cap. Willard dei servizi speciali riceve l'ordine di risalire un fiume della Cambogia, raggiungere il colonnello Kurtz, che sta combattendo una sua feroce guerra personale, ed eliminarlo. Ispirato a Cuore di tenebra (1902) di Joseph Conrad, sceneggiato da J. Milius, splendidamente fotografato da V. Storaro, è il più visionario e sovreccitato film sul Vietnam, trasformato in mito. Delirante, eccessivo, diseguale, ricco di sequenze straordinarie, assai discusso e talvolta estetizzante nel suo ostentato brio stilistico, nella sua spropositata ambizione di grandiosa complessità. È una riflessione amara, forse disperata, sull'imperialismo USA, erede del colonialismo europeo, sulla follia omicida della civiltà occidentale, sul legno storto dell'umanità. Palma d'oro a Cannes, ex aequo con Il tamburo di latta. 2 Oscar: Vittorio Storaro (fot.) e Walter Murch (suono).

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.