Il film del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

A.I. Intelligenza artificiale

26 maggio 2018
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Il film di oggi è: A.I. Intelligenza artificiale

Questa sera, su Paramount Channel ore 21:10Il Morandini consiglia:  

A.I. Intelligenza artificialeA.I. Artificial IntelligenceUSA 2001GENERE: Fantasc. DURATA: 146′ VISIONE CONSIGLIATA: RAG.CRITICA: 2,5 PUBBLICO: 4REGIA: Steven SpielbergATTORI: Haley Joel Osment, Jude Law, Frances O'Connor, Brendan Gleeson, Sam Robards, William Hurt
Treatment di Jan Watson da I supertoys che durano tutta l'estate (1969) e altri 2 racconti di Brian Aldiss, sceneggiatura di Spielberg. New Jersey, futuro imprecisato. La Cybertronics realizza David, bambino artificiale programmato per amare senza condizioni e lo affida ai coniugi Swinton. Quando il loro figlio, ibernato in coma, torna guarito, la madre Monica abbandona David e Teddy, il suo orsacchiotto meccanico e parlante, in un bosco dove l'umanità artificiale in rottamazione è distrutta in spettacoli gladiatori. Con Teddy e l'amico Gigolo Joe, automa programmato per il piacere femminile, David fugge e s'immerge nell'oceano di New York, sommersa da secoli. A.I. o A.K. (Artificial Kubrick)? Il dilemma si presta a una discussione interminabile come la versione finale di Eyes Wide Shut. Film in 3 parti. Dopo un prologo quasi imbarazzante, nella 1ª – la vita in casa Swinton – Spielberg imita benissimo Kubrick; nella 2ª l'inferno di Flesh Fair, cioè un lager di sterminio trasformato in orgia circense – va nell'apocalittico ipertrofico e sensazionalistico, fra thriller e fantasy; nella 3ª – l'ibernazione di David e l'intervento degli umanoidi reduci da Incontri ravvicinati – si assiste a un corto circuito tra Peter Pan, il complesso di Edipo, l'archetipo del ritorno nel grembo materno e il cinema come magazzino della memoria. A.I. rimane come la summa del pensiero di Kubrick e Spielberg. Fotografia di Janusz Kaminski. Musica di John Williams.
AUTORE LETTERARIO: Brian Aldiss

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.