La parola al traduttore

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

La volgarità all’italo-americana di «Nor-fock-a-Virginia!»

17 novembre 2011
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail
Print Friendly

 

Franzen - Libertà - copertinaA pagina 122 di Freedom, Ray, il padre di Patty, fa una delle sue solite battute volgari e imbarazzanti, che in inglese suona così: «Nor-fock-a-Virginia!» E la pronuncia “con un grottesco accento italiano”.
Nello scambio di corrispondenza con la traduttrice tedesca (la corrispondenza con ciascun traduttore viene inoltrata man mano a tutti i traduttori nelle altre lingue, che così possono confrontare i dubbi ed evitare di ripetere due volte la stessa domanda), Franzen spiega così la frase: “battuta su un italiano che non scopa con le vergini [fock è una parodia della pronuncia italoamericana della parola fuck [“scopare”, N.d.T.]. La battuta fa riferimento alla città di Norfolk, in Virgina. Qualunque frase che funzioni in tedesco, che sia volgare e si riferisca all’Italia o agli italiani va bene.”
Ora, probabilmente in tedesco non è stato troppo difficile trovare una frase che corrispondesse a tutti i requisiti (volgare, breve, immediatamente identificabile e plausibile come una presa in giro degli italiani pronunciata da un americano, e per di più in una specie di parodia dell’italiano), ma in italiano era un’impresa davvero ardua. Ci ho pensato per molto tempo, ho chiesto svariati pareri, ho provato tutte le variazioni sul tema di “cannoli”, “salami”, “macaroni”, “kiss me I’m Italian/baciami sono italiano/baciamo le mani/baciamo il cannolo/holy cannoli”, “stallone italiano”, “bella di mamma”, “tu si’ nu babbà”, “that’s ammore”, e via di questo passo, ma la soluzione tardava ad arrivare.
Finché, pensando e ripensando, ho deciso di orientarmi su qualcosa che avesse a che fare con il cibo, perché il lessico alimentare italiano è la cosa che gli americani conoscono meglio (e storpiano di più). Così ho cominciato a chiedere ad amici americani di dirmi tutte le parole italiane legate al cibo che venivano loro in mente. E a un certo punto ho sentito la parola “focaccia”, che in bocca a un americano suona più o meno come “fuckaccia”.  Eccola lì, la mia battuta: Fuck-accia!
Una battuta sciocca e volgare che aveva il vantaggio di suonare italiana e di contenere nello stesso tempo una parola inglese, fuck, sufficientemente riconoscibile da un lettore italiano (oltre a essere la stessa della battuta originale). L’ho poi sottoposta al giudizio di Franzen, il quale l’ha trovata perfetta per il personaggio di Ray. E così adesso il lettore italiano potrà leggere, in Libertà, la seguente battuta: – Fuck-accia! – esclamò Ray, con un grottesco accento italiano.

©Silvia Pareschi

 

Commenti | 2 risposte

  1. Complimenti veramente, non era affatto facile trovare qualcosa d’adatto! Già non era semplice capire la frase nel testo fonte, secondo me, figuriamoci poi tradurla.

    Adesso possiamo leggere in libertà in Libertà (!) questa battuta che, tra l’altro, potrebbe essere vista (con un po’ di fantasia forse) anche come una variazione della ben nota esclamazione «fuck!» – ormai nota, come dice anche l’autrice, anche da noi – sulla falsa riga di «accidenti/accidentaccio!».

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.