La posta del professore

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Ma come si prepara la barbagliata?

13/05/2011
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Buongiorno,
leggo sul Dizionario della lingua italiana Zingarelli, ed. 2011, la seguente definizione di ‘barbagliata’:

barbagliata o barbaiada

[dal milan. barbajada, n. dato alla bevanda da quello del suo inventore, Domenico Barbaja; 1905]

s.f.

(lomb.) Bevanda calda, a base di latte e cioccolato.

La definizione è carente, dal momento che non indica tra gli ingredienti il caffè.
Infatti:

Dal Dizionario rossiniano di Eduardo Rescigno – BUR Rizzoli editore (ISBN 88-17-12894-5) maggio 2002, pag. 73
Barbaja, Domenico (1778-1841)
Impresario, di umili origini, che fu garzone di caffè a Milano e, secondo il racconto di Giuseppe Rovani, la sua fortuna cominciò a delinearsi quando, mescolando il caffè, la panna e la cioccolata, inventò la a barbajata con cui si fece “un monumento più saldo del granito” [...]

Sull’alternativa panna/latte è aperta una discussione culinaria, ma non mi pare fondamentale, perché alcuni indicano addirittura la presenza di entrambi gli ingredienti; ma si può considerare con buona approssimazione che la panna sia uno stato allotropico del latte o, rectius, una sua parte: dunque a non voler prendere parte in questa un po’ inutile discussione (ai fini del gusto la panna va benissimo, ai fini della linea meglio limitarsi al latte), basti l’indicazione del latte, che “contiene” anche concettualmente l’eventuale panna.
Ho citato una fonte “alta”, ma identica indicazione si ricava anche da meno nobili fonti, mediante semplice acceso ad internet, utilizzando come chiave di ricerca il lemma mediesimo.
Conto che con la consueta sollecitudine vorrete provvedere all’emendamento, più per rispetto alla vostra indiscussa fama, che per ossequio al rossiniano impresario.
Roberto

Gentile Roberto,
grazie per averci scritto e per le parole di apprezzamento per il nostro vocabolario.

Abbiamo potuto appurare che l’impresario teatrale Domenico Barbaja (1778-1841), accreditato come inventore della barbajata (o barbajada, barbajaglia), deve averlo fatto giovanissimo perché il termine compare già nel 1814 nel Cherubini:

Vocabolario milanese-italiano: Volume 1 – Pagina 25
Francesco Cherubini – 1814
V. Barbajada (T. degli Acquac.). Sorta di bevanda ch’è un misto di latte e cioccolata.

In realtà nessuna delle fonti dell’Ottocento (da cui Zingarelli trasse la definizione) parla di caffè. Per esempio:

Vocabolario cremasco-italiano - Pagina 26
Bonifacio Samarani – 1852 – 295 pagine
Barbaiada = in Toscana chiamasi bavarese.

Dialetti, costumi e tradizioni delle provincie di Bergamo e di Brescia – Pagina 33
Gabriele Rosa – 1870
Barbaiada (berg). – bevanda di latte e ciocolatte.

Inoltre:

Il Confortatorio di Mantova negli anni 1851, 52, 53 e 55 – Pagina 203
Luigi Martini – 1870
… 2 Marzo 1853 1;2 Boccale di vino 4 Barbagliata 1 Barbagliata 4 Minestra 4 Minestra 4 Minestra 4 Frittura 4 Frittura t Frittura 1 Porzione di pollo 1 Porzione di pollo 4 Porzione di pollo 4 Por. di cavoli-fiori t      Por. di cavoli- fiori …

(È l’elenco dei cibi dati ai Martiri di Belfiore Carlo Montanari, don Bartolomeo Grazioli e Tito Speri negli ultimi tre giorni prima dell’impiccagione ad opera degli austriaci (1853))

Comunque è vero che – come lei ci segnala – oggi la barbagliata è fatta con cioccolata o caffè e in tal senso aggiorneremo Lo Zingarelli 2013 (il 2012 è chiuso in questi giorni).

Con i miei migliori saluti,
Lorenzo Enriques