La posta del professore

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

Accordo del participio passato con il “ne” partitivo

02/02/2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

Gentile Professore,
avrei un dubbio grammaticale che non riesco a dipanare, anche se sono un appassionato di linguistica e mi piace molto studiarla.
Il mio dubbio si riferisce all’accordo del participio passato coniugato con l’ausiliare avere con il “ne” in funzione di partitivo (dislocazione a sinistra). Le faccio un esempio:
Nella frase “Quante mele hai comprato?”, è giusto rispondere:

 

A) ne ho comprate due chili.
In questa prima risposta il participio viene accordato al femminile perché riporta la quantità “mele”, che è un nome al femminile.

B) ne ho comprati due chili.
In questa seconda frase il participio viene accordato al maschile riportando la quantità “chili”, e non mele.

 

La regola dice che il “ne” sostituisce i nomi, quindi nella domanda sarebbero le mele e non i chili, ma in un forum di lingua italiana una professoressa dice che la regola, quando il “ne” ha un valore partitivo, il participio passato concorda con la quantità, e nel nostro caso sarebbero chili. Domanda:

è giusta la risposta A) che viene concordato con mele o la risposta B) che viene concordato con la quantità chili come afferma un suo collega e se è si perché?
P.S. Le riporto l’esempio delle Grande grammatiche italiana di consultazione dove ammette tre regole.

 

La stessa Grande grammatica italiana di consultazione (volume II, pag. 240) così recita: “Quando in posizione di complemento oggetto troviamo un SN di significato partitivo, l’accordo può mancare o può avvenire sia con l’antecedente di ne, sia con il SN in posizione di complemento oggetto (in quegli stili che ammettono l’accordo del participio passato con l’oggetto). Seguono tre esempi: ”
“Di birra, ne ho bevuto due litri”;
“Di birra, ne ho bevuta tre litri”;
“Di birra, ne ho bevuti tre litri”.

 

Grazie in anticipo, Marco

 

Caro Marco, 

 

A) Ricordo innanzitutto la regola che si applica nella declinazione del participio passato dei verbi transitivi: si dice “Ho mangiato una pizza” oppure “Ho mangiata una pizza”? E si dice: “Hai mangiato i biscotti?” “Sì,  li ho mangiati” oppure “Hai mangiato i biscotti?” “Sì,  li ho mangiato“? 

La regola normalmente seguita è che il participio passato dei tempi composti dei verbi transitivi non si declina se il complemento oggetto segue il verbo composto; si declina se lo precede: perciò le frasi corrette sono: 

“Ho mangiato una pizza” perché il complemento oggetto ‘una pizza’ segue il verbo 

e 

“Hai mangiato i biscotti? – Sì,  li ho mangiati” perché il complemento oggetto ‘li’ precede il verbo. 

 

B) Quando la particella pronominale ne precede un verbo transitivo composto è opportuno esaminarne la funzione per capire se essa è complemento oggetto. 

Per esempio, si dice: 

“Hai mangiato dei biscotti?” “Sì, ne ho mangiati” perché ‘ne’ sta per ‘dei biscotti, alcuni biscotti’ ed è complemento oggetto che precede il verbo; 

“Hai comprato della frutta?” “Sì, ne ho comprata” perché ‘ne’ sta per ‘(della) frutta’ ed è complemento oggetto che precede il verbo; 

“Hai bevuto della birra?” “Sì, ne ho bevuto due boccali” perché in questo caso ‘ne’ è complemento di specificazione (sta per ‘di birra’) mentre il complemento oggetto ‘due boccali’ segue il verbo. 

 

C) Aggiungo però che, trattandosi di usi per lo più colloquiali, è lecito preferire la concordanza a senso rispetto alla concordanza grammaticale. Perciò, accanto alla frase 

“Di birra, ne ho bevuto due litri” (in cui la concordanza grammaticale è certamente corretta) 

non mi sembrano scorrette le due frasi 

“Di birra, ne ho bevuti tre litri” 

e 

“Di birra, ne ho bevuta tre litri”. 

 

Con i migliori saluti 

del Professore