Le Mot du jour

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

cahier / protège-cahier

17 settembre 2013
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: cahier / protège-cahier

cahier /kaje/
s. m.1 quaderno: cahier de brouillon, quaderno di brutta; cahier rayé, quadrillé, quaderno a righe, a quadretti; (scol.) cahier de textes, diario (che riporta i giorni dal lunedì al sabato, ma non la data) (tip.) un volume de vingt cahiers, un volume di venti quaderni2 blocco: cahier de papier à lettres, blocco di carta da lettere3 libretto (aer.) cahier de navigation, libretto di volo (tecnol.) cahier d’entretien, libretto di manutenzione4 (dir.) capitolato: cahier des charges, capitolato d’oneri
► protège-cahier.
NOTE DI CULTURA: Già nel Seicento l’espressione cahiers d’une Assemblée alludeva alle lamentele e rimostranze portate all’attenzione del sovrano. Les Cahiers de doléances des États généraux de 1789 sono le rimostranze che i francesi furono invitati a presentare alle Assemblee per le elezioni dei rappresentanti agli Stati Generali. Sono un documento storico di primaria importanza.
Nel 1947 André Bazin (1918-1958) fondò la Revue du Cinéma che nel 1951 prese il nome di Cahiers du Cinéma, la più importante e influente rivista di teoria del cinema del mondo, attorno alla quale si è formato il gruppo della () nouvelle vague. Durante la direzione di Bazin, la linea teorica-guida, nota come politique des auteurs, fu formulata nel 1954 da François Truffaut. L’idea-base è che il regista è l’autore del film, che è contrassegnato dallo stile particolare della sua mise en scène e dalla sua particolare visione. Ciò ha portato alla rivalutazione di molti autori, specie della vasta produzione americana. Se Alfred Hitchcock è diventato un autore di prima grandezza si deve proprio a un memorabile libro-intervista curato da Truffaut. Dalla fine degli anni Sessanta esce a New York un’edizione americana: Cahiers du Cinéma in English.

protège-cahier /pʀɔtɛʒkaje/
s. m. [pl. protège-cahiers]copriquaderno.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.