Le Mot du jour

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

oc / OC / oïl

28 giugno 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: oc / OC / oïl

oc (1) /ɔk/
avv.nella loc. aggett. d’oc, d’oc: langue d’oc, lingua d’oc; pays d’oc, Occitania.


NOTE DI CULTURA

Langue d’oc Con langue d’oc (detta anche occitan e provençal) come lingua orale si intende l’insieme dei dialetti del territorio meridionale della Francia a sud della Loira, tuttora parlati in queste regioni. Oc è la particella affermativa, dal latino hoc. La langue d’oc è però anche lingua letteraria (detta anche ancien occitan o ancien provençal) – distinta dalla langue d’() oïl, cioè l’antico francese – la cui fioritura è legata al successo dei () troubadours, poeti e musicisti occitani di corte che, nei secoli XII e XIII, esportarono la langue d’oc nel resto della Francia e al di fuori. L’espressione più tipica di questo genere letterario è la () chanson, composizione lirica che celebra l’amore cortese e i valori cavallereschi. La fioritura medievale della letteratura in lingua d’oc fu bruscamente interrotta dalla croisade contre les () Albigeois (1208-1229), ma l’ancien occitan ha conosciuto vari e importanti tentativi di rinascita, nel Cinquecento e soprattutto nel XIX secolo, basati su una restaurazione della lingua provenzale, che non si è esaurita.
Esercizio online


OC (2)
sigla(Ondes courtes) OC, Onde Corte.


oïl /ɔjl/
avv.nella loc. aggett. d’oïl, d’oïl: langue, littérature d’oïl, lingua, letteratura d’oïl.


NOTE DI CULTURA

Langue d’oïl La langue d’oïl è l’insieme delle lingue sviluppatesi nei territori della Gallia a nord della Loira che hanno dato origine alla lingua francese. La langue d’oïl comprende vari dialetti (francien, bourguignon, anglo-normand, picard etc.) che sono in realtà delle varianti linguistiche piuttosto che lingue diverse. La distinzione tra langue d’oïl (francese) e langue d’() oc (occitano) risale al XIII secolo ed è dovuta a Dante Alighieri.
Esercizio online

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.