Le Mot du jour

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

violon

8 ottobre 2017
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: violon


violon /vjɔlɔ˜/
s. m.1 violino: concerto pour violon et orchestre, concerto per violino e orchestra; violon alto, viola; (fig.) violon d'Ingres, hobby, passatempo preferito; jouer du violon, suonare il violino; racler du violon, strimpellare il violino; (fig.) sortir les violons, fare una scena madre; (fig.) accordez vos violons!, mettetevi d'accordo!; (fig., fam.) c'est comme si on pissait dans un violon, è come fare un buco nell'acqua (mar.) poulie à violon, bozzello a violino2 violino, violinista (m. e f.): premier violon, primo violino; (fig., fam.) aller plus vite que les violons, precipitare le cose3 (fig., fam.) gattabuia (f.), guardina (f.).


APPROFONDIMENTI

I messaggi diffusi durante la seconda Guerra mondiale da () Radio Londres spesso utilizzavano stralci di testi letterari. Per esempio, come parola d'ordine per il D-day (le jour J), che naturalmente doveva essere conosciuta anche dalle forze della Resistenza francese, fu scelto un passo da Chanson d'automne di Paul Verlaine: Les sanglots longs / des violons / de l'automne / blessent mon cœur / d'une langueur / monotone. Il testo era stato musicato nel 1940 da Charles Trenet in una canzone omonima. È stato riportato in molti film e in Italia è stato conosciuto con questa traduzione: I lunghi singhiozzi / dei violini / d'autunno / feriscono il mio cuore / con monotono / languore.
L'espressione le violon d'Ingres è diventata proverbiale per indicare la particolarità di un artista che pratica per diletto un'arte diversa dalla sua, come faceva con il violino il pittore Jean Auguste Dominique Ingres (1780-1867).
Esercizio onlineEsercizio onlineEsercizio onlineEsercizio online

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.