Le Mot du jour

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

folie

15 febbraio 2018
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: folie


folie /fɔli/
s. f.1 follia, pazzia: folie collective, follia collettiva; accès de folie, accesso di pazzia; aimer q. à la folie, amare follemente, pazzamente q.; aimer qc. à la folie, andare matto per qc.; avoir un grain de folie, essere un po' matto, un po' tocco; c'est de la pure folie!, c'est de la folie douce!, è una cosa folle!, è una cosa insensata!, è una pazzia!; c'est de la folie furieuse!, roba da matti!; c'est de la folie de sortir par un temps pareil!, è una pazzia uscire con questo tempaccio! folies de jeunesse, follie di gioventù; pour cette fille, il ferait des folies, per quella ragazza, farebbe delle pazzie; quelles roses magnifiques! vous avez fait des folies!, che magnifiche rose! lei si è disturbato troppo!2 (arc.) sciocchezza, stupidaggine: arrête de dire des folies!, smettila di dire stupidaggini!3 mania: folie de la persécution, mania di persecuzione; folie des grandeurs, mania di grandezza4 (fam.) pallino (m.): il a la folie des voitures de course, ha il pallino delle macchine da corsa.
COLLOCATORI folie: 1 + agg. furieuse, meurtrière 2 + v. commettre, faire.


NOTE DI CULTURA

Folies Bergère Les Folies Bergère, celebre music-hall parigino, furono inaugurate nel 1869. Luogo di rappresentazione di balletti, operette e vari spettacoli di varietà, con il tempo acquisirono la tuttora perdurante fama mondiale di temple parisien dédié à la femme. Uno dei momenti-clou della loro storia fu l'apparizione nel 1926 della cantante e ballerina di Saint-Louis, nel Missouri, Joséphine Baker (1906-1975), detta la Vénus noire (la Venere nera).


APPROFONDIMENTI

Histoire de la folie à l'âge classique (1961) è la prima opera importante di Michel Foucault (1926-1984), un saggio di prodigiosa cultura che ha rivoluzionato le categorie fondamentali del pensiero storiografico ( déraison).
Esercizio onlineEsercizio online

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.