La palabra del día

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

trabajo

17 ottobre 2012
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: trabajo

Sección Español-ItalianoDeclinacióntrabajo /traˈβaxo/
s.m.1 (empleo) lavoro: en esta zona es difícil encontrar t. in questa zona è difficile trovare lavoro; le han ofrecido un contrato de t. muy ventajoso gli hanno offerto un contratto di lavoro molto vantaggioso; los emigrantes se iban al extranjero en busca de t. gli emigranti andavano all'estero in cerca di lavoro; tiene un puesto de t. de mucha responsabilidad ha un posto di lavoro di grande responsabilità (tarea) mi t. consiste en dar información il mio lavoro consiste nel dare informazioni; un t. manual que requiere mucha habilidad un lavoro manuale che richiede molta abilità; tengo muchísimo t. atrasado ho moltissimo lavoro arretrato (obra) tiene un t. muy interesante sobre el cubismo italiano ha scritto un lavoro molto interessante sul cubismo italiano; t. artístico, cinematográfico lavoro artistico cinematografico (p.ext.) (lugar) me he dejado la agenda en el t. ho dimenticato l'agenda al lavoro; va al t. en bici va al lavoro in bici (Fís.) la unidad de t. es el julio l'unità di misura del lavoro è il joule (Econ.) en economía, el capital está contrapuesto al t. in economia il capitale è contrapposto al lavoro2 (esfuerzo) fatica (f.): es un t. inútil montarlo ahora para volverlo a desmontar mañana è una fatica inutile montarlo adesso per poi smontarlo di nuovo domani   ahorrarse el trabajo de + inf. → risparmiarsi la fatica di + inf.: te puedes ahorrar el t. de venir ahora, porque ya no me haces falta puoi risparmiarti la fatica di venire adesso, perché ormai non ho più bisogno di te   costarle trabajo a al. + inf. (esforzarse) → fare fatica a + inf.: le costó mucho t. sacar la carrera ha fatto una gran fatica a laurearsi; (resistirse) costare a qlcu. + inf.: me cuesta t. aceptar sus condiciones, pero no me queda más remedio mi costa accettare le sue condizioni, ma non ho altra scelta3 (molestia) disturbo, fastidio   tomarse, darse, llevarse el trabajo de + inf. → prendersi il disturbo di, prendersi il fastidio di: hasta se tomó el t. de enviármelo a casa si è preso addirittura il disturbo di mandarmelo a casa4 [en pl.] (penalidades) pene (f.), sofferenze (f.), dispiaceri5 [en pl.] (apuros) difficoltà (f.)
   con trabajo con fatica: con mucho t. se vistió y salió a la calle con gran fatica si vestì e uscì per strada   dar trabajo dare daffare: los animales me encantan pero dan mucho t. adoro gli animali, ma danno un gran daffare   de trabajo da lavoro: ropa de t. abiti da lavoro; animales de t. animali da lavoro   hacer trabajo de zapa (fig.) lavorare sott'acqua   pasar trabajos soffrire: ha pasado muchos trabajos en su vida ha sofferto molto nella sua vita   sin trabajo (en paro) senza lavoro, disoccupato: estoy sin t. sono senza lavoro; (sin esfuerzo) senza fatica: lo hizo sin t. l'ha fatto senza fatica   tener, pasar trabajos avere difficoltà: ha tenido muchos trabajos para conseguir lo que quería ha avuto molte difficoltà prima di ottenere quello che voleva   trabajo a destajo lavoro a cottimo   trabajo a domicilio lavoro a domicilio   trabajo clandestino lavoro nero   trabajo de campo (estudio práctico) indagine sul campo   trabajo de chinos (fig.) lavoro da certosino, lavoro da pazzi   trabajo de hormigas (fig.) lavoro da certosino   trabajo de menores lavoro minorile   trabajo de parto (Med.) travaglio   trabajo estacional lavoro stagionale   trabajo eventual lavoro occasionale   trabajo negro lavoro nero   trabajo te doy (o trabajo te mando) (enfát.) ti voglio, sarà un'impresa, è un'impresa: t. te doy para abrir la botella sin sacacorchos ti voglio, ad aprire la bottiglia senza cavatappi   trabajo temporal lavoro temporaneo, lavoro interinale   trabajo voluntario volontariato   trabajos forzados (o trabajos forzosos) lavori forzati.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.