La palabra del día

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

movida

3 novembre 2012
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: movida

Sección Español-ItalianoDeclinaciónmovida /moˈβiða/
s.f.1 (en un juego) mossa2 (fam.) (asunto, rollo) questione: la m. ecológica, electoral, nuclear, pacifista la questione ecologica, elettorale, nucleare, pacifista3 (fam.) (fiesta, juerga) baldoria, festa: hoy hay m. en el centro oggi c'è baldoria in centro4 (fam.) (actividad cultural) attività (f. inv.) culturale: la m. de los años setenta l'attività culturale degli anni settanta5 (fam.) (animación, juerga) vita, animazione, movimento (m.): en esta calle hay mucha m. por las noches in questa strada c'è molta vita di sera6 (fam.) (confusión, lío) casino (m.): ¡por su culpa ha habido una m. que no veas! per colpa sua c'è stato un casino incredibile!
   montar una movida (fam.) (una fiesta) fare baldoria, darsi ai bagordi: montaron una m. increíble para celebrar su licenciatura fecero una gran baldoria per festeggiare la sua laurea montar (una) movida (fam.) (un lío) combinare un casino: ¡qué m. has montado con esa historia! che casino hai combinato con quella storia!   movida madrileña (fam.) movida, vita notturna (madrilena).
CULTURA
Nei primi anni della transizione alla democrazia (il 1975 è l'anno della morte di Franco) la società spagnola assaporò, dopo il lungo e oppressivo regime franchista, una maggiore libertà culturale e ideologica. Grazie a questo nuovo clima sociale e politico, fiorirono a Madrid molti movimenti giovanili, musicali e artistici, attivi principalmente negli anni '80.Le notti madrilene diventarono famose internazionalmente per la loro animazione e per i frequenti spettacoli delle numerose avanguardie artistiche dell'epoca. In seguito però il termine movida española è passato a indicare l'ambiente di divertimento smodato e di baldoria prolungata che anima le notti delle maggiori città spagnole.

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.