La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

gelata / gelare

28 gennaio 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: gelata / gelare

Sillabazione: ge–là–ta
gelàta / dʒeˈlata/
[sec. XIII]
s. f.
1 diminuzione della temperatura ad un valore uguale o inferiore a zero gradi: d'inverno le gelate sono frequenti; le gelate danneggiano le campagne | (est.) gelo, ghiaccio
2 regione coperta di ghiaccio

Sillabazione: ge–là–re
gelàre / dʒeˈlare/ o gielàre
[lat. gelāre, da gĕlu(s) ‘gelo (1)’ av. 1292]
A v. tr. (io gèlo)
agghiacciare, congelare: era un freddo che gelava le mani e i piedi | (fig.) annichilire, impietrire: le sue parole gelarono gli ascoltatori
B v. intr. impers. (aus. essere o avere)
far freddo fino a produrre il gelo: qui gela tutto l'inverno
C v. intr. (aus. essere) e gelàrsi v. intr. pron.
1 diventare freddissimo, di ghiaccio, congelarsi (anche fig. o iperb.) (+ di, + da, + per): il lago è gelato; l'acqua gela a 0 °C; mi si è gelato il sangue nelle vene; gelare di (o dal) freddo; gelare di (o per la) paura; qui dentro si gela; di dolor, di stupor, di meraviglia / tremò, gelò (G.B. Marino); sentendosi gelare dallo spavento (C. Collodi)
2 del latte, quagliarsi, rapprendersi

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.