La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

donde

6 giugno 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: donde

Sillabazione: dón–de
dónde / ˈdonde/ o (raro) d'ónde
[lat. dē ŭnde ‘onde, da dove’, di etim. incerta av. 1250]
A avv. (poet. troncato in dón)
1 (lett.) da dove, da quale luogo (in prop. interr. dirette o indirette): donde arrivi?; non si è mai potuto sapere donde venisse | (est.) da chi, da quale fonte: donde viene questa notizia?; non riesco a capire donde tragga tanto coraggio
2 (lett.) dal quale, da cui, dal luogo da cui (con valore rel.): ritornarono al punto donde erano partiti | attraverso cui: e si lasciorno una via nel mezzo donde le fanterie passavano (N. Machiavelli) | per dove: e piove sangue donde son passati (G. Carducci)
3 (lett.) da cui, dal che, dalla quale cosa (con valore causale): donde si deduce; donde consegue | per quale motivo: donde tante lamentele? | avere donde, averne ben donde, avere buone e fondate ragioni
4 (lett.) di cui, con cui, per cui (con valore rel.): non avere donde vivere; duo valletti, donde si servia / a portar elmo e scudo, aveva allato (L. Ariosto)
B cong.
(lett., raro) per cui, quindi (con valore conclusivo)
C s. m.
il luogo; la causa

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.