La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

patire / patimento

11 settembre 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: patire / patimento

Sillabazione: pa–tì–re
patìre (1) / paˈtire/
[lat. parl. *patīre, per il classico păti ‘sopportare, soffrire’, di etim. incerta av. 1250]
A v. tr. (io patìsco, tu patìsci)
1 (lett.) subire l'effetto di qlco. | (est.) consentire: la regola non patisce eccezioni
2 provare, sentire qlco. di spiacevole, molesto, doloroso e sim.: patire ingiurie, offese, angherie; patire il freddo, la fame, la sete; patire indicibili tormenti fisici e spirituali | patire le pene dell'inferno, (fig.) soffrire moltissimo | far patire qlco. a qlcu., costringerlo o indurlo a subire dolori e sim. SIN. soffrire
3 sopportare, tollerare (in espressioni negative) (+ di seguito da inf.; + che seguito da congtv.): non patire l'arroganza, la superbia, l'incomprensione; ma non potevo patire di vederlo (B. Cellini); non poteva patire che un principe francese venisse a stabilirsi in Italia (A. Manzoni)
B v. intr. (aus. avere)
1 soffrire (+ di, + per): patire di fegato, di cuore; patire ai polmoni; patire per le gravi umiliazioni ricevute; il giusto patisce per il reo; invan patisco … / sempre errore accrescendo / a me stesso (T. Campanella) | patire di gelosia, di avarizia e sim., essere geloso, avaro e sim. | patire di qlcu., soffrire per la sua mancanza: o perché … patisse di vettovaglie o per altra cagione (F. Guicciardini) | finire di patire, morire, dopo una lunga e dolorosa infermità
2 sentire gli effetti dannosi di qlco., deteriorarsi (+ per): il fieno patisce per l'eccessiva umidità; la campagna patisce per la stagione avversa
3 mancare: patire di acqua, di vettovaglie
C in funzione di s. m. solo sing.
sofferenza, patimento: a conto del gran patire che abbiam fatto (A. Manzoni)

Sillabazione: pa–tì–re
patìre (2) / paˈtire/
[etim. incerta 1308]
v. tr.
smaltire, digerire (anche fig.): questi prendano la mia vivanda col pane, che la farà loro gustare e patire (Dante)

Sillabazione: pa–ti–mén–to
patiménto / patiˈmento/
[da patire av. 1311]
s. m.
1 il patire
2 dolore, privazione, sofferenza: sopporto indicibili patimenti; al peso de' troppo gran patimenti non resse altro che un mese (D. Bartoli)

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.