La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

velluto

27 ottobre 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: velluto

Sillabazione: vel–lù–to
vellùto / velˈluto/
[lat. tardo villūtu(m), da vĭllus ‘pelo’. V. villo 1312]
A agg.
1 (lett.) peloso, villoso
2 (lett.) di tessuto a pelo morbido e rilevato: i ricchi sciamiti velluti (G. Pascoli)
3 (bot.) nella loc. fior velluto, amaranto
B s. m.
1 tessuto di seta, cotone, lana o fibre sintetiche, che presenta su una delle facce una superficie pelosa, formata dai fili dell'ordito o della trama rasati più o meno alti: velluto d'ordito; velluto di trama; un velluto rosso, verde, liscio, lavorato; giacca, gonna di velluto | velluto riccio, il cui pelo è inanellato mediante una particolare lavorazione | velluto soprarizzo, con i motivi in rilievo su fondo liscio | velluto tagliato, più o meno lavorato, come il precedente | velluto a coste, alla cacciatora, lavorato a righe in rilievo, più o meno larghe | (fig.) andare, camminare sul velluto, non incontrare ostacoli in un'azione, un'impresa e sim. | giocare sul velluto, (fig.) non correre rischi | zampe di velluto, (per anton.) quelle del gatto, morbide e silenziose | avere, nascondere un pugno di ferro nel guanto di velluto, (fig.) si dice di chi nasconde sotto un'apparenza mite una volontà ferrea | di velluto, (fig.) vellutato: viso, mani di velluto; di cosa fatta con grande maestria
2 (est.) indumento maschile o femminile di velluto
3 (bot.) velluto d'acqua, borraccina
4 (fig.) superficie morbida e liscia: il velluto delle guance
|| vellutìno, dim. (V.)

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.