La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

scorza / scorzare

13 novembre 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: scorza / scorzare

Sillabazione: scòr–za
scòrza / ˈskɔrtsa/
[lat. scŏrtea ‘pelle, pelliccia’, f. sost. dell'agg. scŏrteus, da scŏrtum ‘pelle, cuoio’, connesso con cŏrium ‘cuoio’ (V. cuoio) 1282]
s. f.
1 parte della corteccia degli alberi all'esterno del fellogeno, costituita da elementi morti
2 (est.) grossa buccia di alcuni frutti: scorza del limone, dell'arancia, delle castagne
3 (est.) pelle di alcuni animali: la scorza del serpente
4 (fig.) pelle umana | avere la scorza dura, essere di scorza dura, e sim., essere particolarmente resistente alle fatiche | (raro, lett.) corpo, involucro carnale: lasciando in terra la terrena scorza (F. Petrarca)
5 (fig.) esteriorità, aspetto superficiale: penetrare entro, oltre, la scorza; sotto una ruvida scorza si nasconde un timido
6 (disus.) niente, con valore rafforz., nelle loc. negative non valere, non capire, una scorza e sim.
|| scorzétta, dim. (V.)

Sillabazione: scor–zà–re
scorzàre / skorˈtsare/
[sec. XIV]
v. tr. (io scòrzo)
(tosc.) levare la scorza, scortecciare, sbucciare

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.