La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

bruma / nebbia

11 dicembre 2014
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: bruma / nebbia

Sillabazione: brù–ma
brùma (1) / ˈbruma/
[vc. dotta, lat. brūma(m), per *brĕvima (dĭes) ‘(giorno) più breve’, da brĕvis, perché indicava, propr., il giorno più breve dell'anno 1327]
s. f.
1 foschia, nebbia (anche fig.): la bruma del mattino; le brume del futuro
2 (raro, lett.) solstizio d'inverno, pieno inverno: tempi sereni sette giorni avanti e sette doppo la bruma (T. Tasso)
SFUMATURE nebbia (1)

Sillabazione: brù–ma
brùma (2) / ˈbruma/
[vc. dotta, lat. brūma(m), dal gr. brôma ‘cibo’ e ‘cosa mangiata’ 1614]
s. f.
1 (zool.) teredine
2 (est.) ogni organismo vegetale o animale che si attacca su oggetti sommersi

Sillabazione: néb–bia
nébbia (1) / ˈnebbja/ o nèbula
[lat. nĕbula(m), di orig. indeur. av. 1292]
s. f.
1 sospensione nell'aria e presso il suolo di microscopiche goccioline formatesi per condensazione del vapore acqueo intorno a nuclei di pulviscolo atmosferico, tale da ridurre la visibilità orizzontale a meno di 1 km: nebbia fitta, densa, leggera; le nebbie del Nord; banco di nebbia; è calata la nebbia; la nebbia si dilegua, si dissolve | (fig.) dileguarsi come nebbia al sole, scomparire rapidamente | nebbia artificiale, prodotta artificialmente con speciali apparecchiature, spec. a fini bellici
2 (fig.) ciò che costituisce un offuscamento per la comprensione, l'intelligenza e sim.: la nebbia dell'ignoranza, della superstizione
3 (bot.) malattia del grano e di altre Graminacee (orzo, segala, avena), dovuta a un fungo parassita delle Erisifacee
4 (med.) macchia biancastra, trasparente, della cornea, che può offuscare la vista
|| nebbiàccia, pegg. | nebbiarèlla, dim. | nebbiétta, nebbiettìna, dim. | (lett.) nebbiòla, dim. | nebbiolìna, dim. | nebbióne, accr. m. (V.) | (lett.) nebbiùzza, dim.
 SFUMATURE
nebbia - foschia - caligine - bruma
La nebbia è la sospensione nell'aria di minuscole goccioline, formatesi per condensazione del vapore acqueo intorno a nuclei di pulviscolo atmosferico, che riduce la visibilità orizzontale a meno di 1 km. La foschia invece è un'atmosfera opalescente, grigiastra, causata dall'addensamento locale di particelle liquide in sospensione, fumo o polveri, con visibilità orizzontale compresa tra 1 e 10 km. Non dipendente direttamente da fenomeni meteorologici, tuttavia favorita dall'assenza di vento, è la caligine, la quale è causata dalla concentrazione superiore al normale di pulviscolo finissimo, quali polveri, ceneri, o altre scorie, che rende l'aria meno limpida e trasparente. Bruma è infine un termine d'uso letterario che si usa per definire sia la foschia che la nebbia.

Sillabazione: néb–bia
nébbia (2) / ˈnebbja/
[dal colore, come annebbiato 1869]
s. f.
pianta perenne delle Diantacee, sottile e ramosa, coltivata spec. come pianta ornamentale per completare i mazzi di fiori (Gypsophila elegans)

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.