La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

padre

19 marzo 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: padre

SILLABAZIONE: pà–dre
pàdre / ˈpadre/ o pàtre, pàte
[lat. pătre(m), di orig. indeur. sec. XII]
s. m. (fam. troncato in pa')
1 uomo che ha generato uno o più figli, considerato rispetto ai figli stessi: essere, diventare padre; il padre e la madre; essere orfano di padre; essere un buon padre, un cattivo padre | padre adottivo, che ha adottato un figlio | padre putativo, che è ritenuto, ma non è padre di qlcu. | di padre in figlio, di generazione in generazione | rendere padre, di una donna, dare un figlio a un uomo | padre di famiglia, uomo che ha moglie e figli, con tutte le responsabilità e i doveri connessi | diligenza del buon padre di famiglia, V. diligenza (1) | fare da padre, comportarsi come tale verso qlcu., pur non essendolo | amare, venerare, considerare qlcu. un padre, come un padre, detto di chi nutre sentimenti filiali per qlcu., che a lui ha dato assistenza, amore, cure e sim. | per via di padre, in linea paterna | fare le veci del padre, sostituirlo in tutto o in parte nelle sue funzioni | PROV. tale il padre tale il figlio, i figli hanno le stesse caratteristiche dei padri
2 (est.) uomo che assume nei confronti di qlcu. un ruolo di guida, fornendogli appoggi, insegnamenti e consigli: per me è stato un padre; in lui ha trovato un padre; è più un padre che un amico | (fig.) padre spirituale, religioso che segue da vicino la vita spirituale di qlcu. facendogli da guida | (fig.) padre della Patria, titolo concesso dai Romani a chi avesse grandi benemerenze politiche e usato successivamente in altre epoche: Vittorio Emanuele II fu chiamato padre della Patria | Padri costituenti, Padri della Costituzione, membri di un'assemblea costituente | (fig.) Padri della Chiesa, scrittori dei primi secoli che hanno definito le dottrine fondamentali del cristianesimo
3 animale di sesso maschile che ha generato figli: il padre del nostro cane è di razza purissima
4 (spec. al pl.) antenato, progenitore: i loro padri erano ancora nomadi; voi, palme e cipressi … / proteggete i miei padri (U. Foscolo) | fondatore di una stirpe: il padre Romolo | il Primo Padre, Adamo
5 (fig.) maestro, iniziatore di una disciplina, di un'arte: è considerato il padre della fisica moderna | (fig.) origine | PROV. l'ozio è il padre dei vizi
6 titolo proprio di sacerdoti e regolari, spec. di frati: reverendo padre, padre cappuccino, padre benedettino | padre del bel morire, camillino | padre del deserto, anacoreta | Santo, Beatissimo Padre, il Papa | padri conciliari, religiosi che partecipano a un concilio
7 (al pl.) denominazione di congregazioni religiose: i Padri della Fede
8 (fig.) creatore: Dio è il Padre di tutti gli uomini; Dio Padre | nella teologia cattolica, la prima persona della Trinità: il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo | Padre Eterno, V. padreterno | Padre Nostro, V. Padrenostro
9 nell'antica Roma, patrizio | padre coscritto, senatore
10 padre nobile, nel teatro drammatico dell'Ottocento e del primo Novecento, ruolo di uomo maturo
11 padre padrone, padre molto autoritario; (est.) persona dispotica o che esercita un potere quasi assoluto
|| padràccio, pegg. | (lett.) padrùccio, dim.
 DEFINIZIONI D'AUTORE
A cosa servono le malattie dei figli? A rendere esplicito il senso della loro procreazione. Infatti, quando regna la salute, il genitore si assolve troppo in fretta. Non si dovrebbe mai dimenticare che fare un figlio significa lasciare una persona di notte, per strada, con una gomma a terra. Il minimo che si possa fare, è insegnargli a cambiarla – perché se tutto va bene, noi ce ne andremo prima, lasciando quel poveretto in mezzo ai guai. Impossibile, allora, negare l'evidenza di aver convocato dal nulla, estraendolo a sorte, qualcuno che non aveva la minima intenzione di venire al mondo (Mio padre mi inflisse la vita, Chateaubriand). Remember, siamo stati noi ad averlo tirato in ballo, trascinandolo suo malgrado in mezzo a questa pista arroventata. Comportiamoci di conseguenza.
Valerio Magrelli

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.