La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

estasi

20 aprile 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: estasi

SILLABAZIONE: è–sta–si
èstaṣi / ˈɛstazi/ o estaṣìa
[vc. dotta, lat. tardo ĕx(s)tasi(m), dal gr. ékstasis, dal v. existánai ‘star (histánai) fuori (ex-) dalla mente’ av. 1342]
s. f. o m. inv.
1 stato psichico di svincolamento dalla realtà, di entusiasmo fanatico e di commozione, misto a un senso di rapimento, a volte accompagnato da visioni e da sensazioni uditive allucinatorie
2 nella fenomenologia religiosa, l'‘uscita da sé’ dell'anima che, abbandonato il legame con il corpo fisico e con i sensi, stabilisce un contatto temporaneo con il divino | nella teologia cattolica, supremo grado dell'ascesi e dell'esperienza mistica, nel quale l'anima è rapita nella contemplazione di Dio
3 (est.) stato di intenso piacere: è una musica che fa andare in estasi; estasi amorosa | (fam., scherz.) essere in estasi, essere distratto SIN. rapimento
 SFUMATURE
estasi - rapimento - incanto
Estasi descrive uno stato allucinatorio che porta a uno svincolamento dalla realtà; nella fenomenologia religiosa è l'uscita da sé dell'individuo che stabilisce un contatto temporaneo col divino indipendentemente dal corpo e dai sensi; correntemente identifica uno stato di felicità assoluta, di beatitudine conseguente alla sensazione di un intenso piacere. Rapimento esprime lo stesso concetto, ma introduce la sfumatura dell'essere come sottratto a sé stesso. In incanto il piacere straordinario si traduce nella sensazione di essere preso in un incantesimo, di vivere in un sogno.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.