La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

plagio

22 giugno 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: plagio

SILLABAZIONE: plà–gio
plàgio / ˈpladʒo/
[vc. dotta, lat. tardo plăgiu(m), dal gr. plágion, nt. di plágios ‘obliquo’ 1667]
s. m.
1 appropriazione, totale o parziale, di lavoro altrui, letterario, artistico e sim., che si voglia spacciare per proprio | (est.) ciò che viene spacciato per proprio: questo libro è un plagio
2 nel diritto romano, comportamento criminoso di chi si impossessa dolosamente o fa commercio di un uomo libero o di uno schiavo altrui | nel diritto penale moderno, illecito penale di chi assoggetta qlcu. al proprio potere, privandolo di ogni libertà di giudizio e di iniziativa; dal 1981 non costituisce più reato

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.