La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

macerare

29 settembre 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: macerare

SILLABAZIONE: ma–ce–rà–re
maceràre / matʃeˈrare/
[lat. macerāre, da un tema *macos, di etim. incerta 1301]
A v. tr. (io màcero)
1 tenere qlco. in acqua o in altro liquido, al fine di estrarre qualche costituente solubile o predisporla a eventuali trattamenti successivi: macerare la carne nel vino | macerare canapa, lino, per estrarre le fibre | macerare droghe vegetali, per estrarre i principi attivi
2 (fig., lett.) percuotere duramente: macerare la schiena a qlcu. | nell'ascesi, mortificare con penitenze o digiuni: macerare le carni
3 (fig., lett.) logorare, estenuare
4 (fig., lett.) affliggere, opprimere, tormentare: l'invidia … sé stessa macera (I. Sannazaro)
B maceràrsi v. rifl.
1 mortificarsi: macerarsi nella penitenza
2 (fig.) rodersi, tormentarsi: macerarsi nel rimorso; macerandomi di rabbia e di gelosia (I. Nievo)
C maceràrsi v. intr. pron.
subire un processo di macerazione

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.