La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

dolore

25 ottobre 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: dolore

   
Le parole dantesche per il 750° anniversario della nascita di Dante Alighieri

 
SILLABAZIONE: do–ló–re
dolóre / doˈlore/
[lat. dolōre(m), da dolēre ‘dolere’ av. 1250]
s. m. (pl. -i, m., -a, f.)
1 sensazione di sofferenza fisica (+ di, + a): dolore reumatico, articolare; dolore di testa, di denti, di stomaco; mitigare, calmare, acuire il dolore; sentire un forte dolore a una gamba, a una spalla; avere il corpo pieno di dolori | letto di dolore, dove si giace da tempo per grave malattia | l'eterno dolore, la perenne sofferenza fisica dei dannati CFR. algo- (1), -algia, odino-, -odinia SIN. male
2 sentimento o stato di profonda sofferenza morale: dolore intenso, inconsolabile, disperato; impazzire, morire di dolore; vivere nel dolore; essere straziato, sconvolto dal dolore; Nessun maggior dolore / che ricordarsi del tempo felice / ne la miseria (Dante Inf. V, 121-123) | abbandonarsi, darsi al dolore, disperarsi | menar dolore, lamentarsi | i sette dolori, quelli della Madonna, da questa provati durante la vita terrena sua e del Cristo SIN. afflizione, pena, sofferenza
3 avvenimento, cosa o persona che procura dolore: è stato il più grande dolore della mia vita; quel figlio è il suo perenne dolore SIN. tormento | (al pl.) fastidi, guai: o trovi un lavoro o son dolori!
|| doloràccio, pegg. | dolorétto, dim. | dolorìno, dim. | dolorùccio, (lett.) dolorùzzo, dim.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.