La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

futuro

28 dicembre 2015
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: futuro

  
Le definizioni d'autore dello Zingarelli

 
SILLABAZIONE: fu–tù–ro
futùro / fuˈturo/
[vc. dotta, lat. futūru(m), part. fut. del v. ĕsse ‘essere’, di orig. indeur. 1261 ca.]
A agg.
1 che deve ancora avvenire, verificarsi e sim.: il tempo futuro; le cose future; gli avvenimenti futuri; una speranza di beni futuri | vita futura, nel cristianesimo, quella dell'anima dopo la morte del corpo CONTR. passato
2 (gener. preposto al sost.) di persona, che in un tempo avvenire ricoprirà un determinato ruolo: la futura sposa; il futuro marito, suocero, deputato; il futuro Papa fosse tenuto in termine d'un anno convocar il concilio (P. Sarpi)
|| futuraménte, avv. in futuro, per l'avvenire
B s. m.
1 il tempo che verrà, ciò che accadrà: prevedere il futuro; ignorare tutto sul proprio futuro | (fig.) il futuro è sulle ginocchia di Giove, solo Dio può sapere ciò che accadrà | senza futuro, (fig.) che non ha prospettive positive CONTR. passato
2 (gramm.) tempo della coniugazione verbale che colloca l'enunciato in un momento successivo all'istante presente, oppure indica ipotesi, probabilità e sim. (per es.: sarà uscito; saranno le undici) | futuro semplice, formato da una radice verbale e da affissi verbali esprimenti il tempo futuro (per es., verrò) | futuro anteriore, formato dall'ausiliare avere, o essere, e da un participio passato (per es., verrò appena avrò finito) | futuro attenuativo, usato per attenuare un'affermazione; per es.: le dirò di più; Ma ammetterà ch'io non potevo sapere (L. Pirandello)
3 (raro, al pl.) i posteri
4 nascituro
 DEFINIZIONI D'AUTORE
Il futuro è quella cosa che mentre lo pensi arriva, ma poi non c'è più perché è diventato presente, che però a sua volta non dura niente e diventa subito passato. Un bel pasticcio questa storia della “freccia del tempo”, che va in un senso solo e non si ferma mai. Agostino diceva che il tempo è un'estensione dell'anima. Seguiamo la sua ricetta: il futuro è quello che immaginiamo. E immaginare il futuro, soprattutto per uno scienziato, vuol dire immaginare cosa resta da scoprire. Per fortuna, quasi tutto: il futuro delle scoperte è immenso ma a portata di mano. Quello che resta da scoprire oggi è ciò che domani cambierà la nostra vita.
Giovanni F. Bignami

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.