La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

verbale

11 febbraio 2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: verbale

SILLABAZIONE: ver–bà–le
verbàle / verˈbale/
[vc. dotta, lat. tardo verbāle(m), da vĕrbum ‘parola’ (V. verbo); come s. m., calco sul fr. verbal, da (procès) verbal ‘processo verbale’ 1363]
A agg.
1 costituito da parole, che si manifesta con parole: offese verbali; una violenta reazione verbale; eccessi verbali | traduzione verbale, letterale | nota verbale, comunicazione diplomatica non firmata, su argomento non urgente ma da tenersi in considerazione | (est.) orale: ordine verbale; prova, risposta verbale | linguaggio verbale, che si serve delle parole | (dir.) processo verbale, verbale: redigere, stendere, firmare il processo verbale
2 che consta soltanto di parole ed è privo di sostanza, vuoto di significato e sim.: legame, affetto puramente verbale
3 del verbo: forma verbale | che appartiene alla categoria del verbo: aggettivi, sostantivi verbali
|| verbalménte, avv. a voce, a parole
|| verbalità, s. f. inv. carattere di ciò che è espresso con parole; (est.) comunicazione che avviene per mezzo delle parole
B s. m.
documento in cui sono descritte attività e riportate dichiarazioni, così attestate con presunzione di veridicità: il verbale di un'adunanza, di un'assemblea, di un interrogatorio; redigere, stendere, firmare il verbale | mettere a verbale, registrare in tale documento | verbale di gara, nello sport, documento redatto alla fine di ogni competizione e relativo alla stessa
|| verbalìno, dim.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.