La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

rigare

7 marzo 2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: rigare

SILLABAZIONE: ri–gà–re
rigàre (1) / riˈɡare/
[da riga av. 1292]
A v. tr. (io rìgo, tu rìghi)
1 tracciare una o più righe, segnare con righe: rigare un foglio con la matita | (fig.) solcare: mi abbracciava, o mi rigava il volto / d'amaro pianto (V. Alfieri) | (est.) rovinare, graffiare con incisioni, sfregi e sim. qlco.
2 effettuare la rigatura nella canna di un'arma da fuoco | delimitare | limitare
B v. intr. (aus. avere)
(fig.) procedere, comportarsi rettamente, facendo il proprio dovere, spec. nella loc. rigare diritto
C rigàrsi v. intr. pron.
segnarsi con delle righe: i vetri si rigarono di grosse gocciole (E. Montale) | solcarsi: le sue guance si rigavano di lagrime (E. Morante)


SILLABAZIONE: ri–gà–re
rigàre (2) / riˈɡare/
[vc. dotta, lat. rigāre, di etim. incerta 1282]
v. tr.
irrigare, solcare bagnando: abbondanti fontane rigavano le fresche erbette (G. Boccaccio)

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.