La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

votare

2 giugno 2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: votare

SILLABAZIONE: vo–tà–re
votàre (1) / voˈtare/ o botàre nei sign. A2 e C
[lat. parl. *votare, intens. di vovēre ‘far voto’, di orig. indeur. sec. XIII]
A v. tr. (io vóto)
1 sottoporre a votazione: è stata votata una nuova legge | approvare, deliberare dando il proprio voto: votare una proposta, un referendum | sostenere con il proprio voto: votare un candidato indipendente
2 (relig.) offrire in voto: votare le armi al tempio; votare a Dio la propria vita | (est.) consacrare, dedicare
B v. intr. (aus. avere)
dare il proprio voto (+ per, + con, + a): votare per alzata e seduta, con appello nominale, a scrutinio segreto, col sistema proporzionale, a collegio uninominale; votare per un partito di destra, di sinistra; votare contro, a favore di qlcu. o qlco.
C votàrsi v. rifl.
1 obbligarsi con un voto (+ a): votarsi alla verginità, alla vita monacale, al celibato
2 darsi, offrirsi totalmente (+ a): votarsi a Dio; votarsi al sacrificio | consacrarsi, dedicarsi: votarsi allo studio, alla musica | votarsi alla morte, affrontare coscientemente un grave rischio di morte


votàre (2) e deriv.
vuotare e deriv.

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.