La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

stadio

10 giugno 2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: stadio

SILLABAZIONE: stà–dio
stàdio / ˈstadjo/
[vc. dotta, dal lat. stădiu(m), dal gr. stádion ‘stadio’ (V. staggio (1)) av. 1275]
s. m. (pl. -i o raro -ii)
1 misura greca di lunghezza, corrispondente a seicento piedi, di valore variabile a seconda della dimensione del piede nelle diverse località ed epoche | stadio attico, pari a m 177,6 | stadio alessandrino, pari a m 184,85
2 (archeol.) nell'antica Grecia e Roma, edificio di forma rettangolare con uno dei lati corti arrotondato, circondato di gradinate che permettevano agli spettatori di assistere seduti alle gare di corsa a piedi
3 (sport) impianto per lo svolgimento di gare sportive solitamente all'aperto: comprende un campo centrale e talora una pista di atletica, è attrezzato con spogliatoi ed è fornito di gradinate: andare allo stadio
4 (fig.) ciascuna fase o grado di un processo evolutivo: il processo si trova al primo stadio; gli stadi di una malattia; uno stadio avanzato; i primi stadi di una civiltà
5 (aeron.) ciascuno dei tronchi propulsivi di un missile vettore che si staccano via via, al procedere della salita, quando è esaurito il loro propellente | primo stadio, quello che imprime la fortissima accelerazione iniziale e si stacca per primo | ultimo stadio, quello che porta il satellite, la capsula, la sonda o altro veicolo spaziale
6 (elettron.) circuito che assolve una data funzione: stadio amplificatore; stadio di alta o di bassa frequenza; stadio mescolatore; stadio rivelatore

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.