La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

derogare

2 settembre 2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: derogare

SILLABAZIONE: de–ro–gà–reSINONIMI
derogàre / deroˈɡare/ o dirogàre
[vc. dotta, lat. derogāre, comp. di dē- e rogāre nel senso tecnico di ‘proporre (una legge)’ 1308]
A v. intr. (io dèrogo, tu dèroghi; aus. avere)
1 (dir.) porre con un provvedimento legislativo un'eccezione rispetto alla regola contenuta in altra norma giuridica (+ a): derogare a una legge
2 (fig., raro) venir meno, rinunciare (+ a): derogare all'integrità del proprio carattere | contravvenire: derogare a un patto; ha derogato ai vostri consigli | discostarsi (+ da): derogare da una consuetudine; Maller osservò che non usava derogare dalle misure prese (I. Svevo)
B v. tr.
1 (raro) eludere, trasgredire: un articolo del codice che non si può derogare
2 sminuire | diminuire, togliere

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.