La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

tana

6 ottobre 2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: tana

SILLABAZIONE: tà–naSINONIMI
tàna / ˈtana/
[lat. (sub)tāna(m) ‘sotterranea’ (sottinteso cavĕrna(m) ‘caverna’), con fraintendimento di sŭb come prep. sec. XIII]
s. f.
1 buca profonda, scavata spec. nella terra o nella roccia, dove si rifugiano animali selvatici: le faine scavano la tana nei vecchi alberi | (fig.) rifugio, covo, nascondiglio: è una tana di malviventi | (fig., spreg.) patria, dimora: son Vanni Fucci / bestia, e Pistoia mi fu degna tana (Dante Inf. XXIV, 125-126)
2 (fig.) abitazione malsana, squallida: vive in periferia, in una tana vecchia e sporca SIN. buco, stamberga, tugurio
3 (fig.) in giochi infantili, il punto in cui ci si deve rifugiare per salvarsi quando si è inseguiti o scoperti: toccare tana
4 fossa, grotta | (fig.) bolgia dantesca

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.