La parola del giorno

Facebook Twitter Google+ Feed RSS

ordire

5 novembre 2016
Facebook Twitter Google+ Invia per e-mail

La parola di oggi è: ordire

   
Le parole ariostesche per il quinto centenario della pubblicazione dell’Orlando Furioso.

 
SILLABAZIONE: or–dì–reSINONIMI
ordìre / orˈdire/
[lat. ordīri, da avvicinare a ōrdo, genit. ōrdinis ‘ordine’ 1300]
v. tr. (io ordìsco, tu ordìsci)
1 disporre su un telaio i fili dell'ordito | (mar.) ordire la cima tra due taglie, passarla da un bozzello all'altro per formare potenza, paranco
2 intrecciare | lavorare a intreccio
3 (fig., lett.) disporre, apprestare | (lett.) abbozzare
4 (fig.) preparare e organizzare in segreto qlco. di illecito, o comunque di dannoso per altri: ordire una congiura, un attacco improvviso, un colpo di stato; alcuna finzione alcuno inganno / … ordisce e trama (L. Ariosto)

Vuoi ricevere tutti i giorni la parola del giorno? Ricevi via email

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.